Dovizioso e Petrucci sono destinati a lasciare la Ducati a fine stagione: per sostituirli dal 2021 i candidati sono Vinales, Miller, Bagnaia e Zarco

Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci (Foto Ducati)
Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci (Foto Ducati)

Per la Ducati si avvicina il momento della rivoluzione. Salvo clamorosi dietrofront dell’ultim’ora, secondo tutti i ben informati del paddock il 2020 dovrebbe essere l’ultimo anno in rosso dell’attuale coppia di piloti. Destinati all’addio, dunque, non soltanto Danilo Petrucci, reduce da una stagione agrodolce, ma anche Andrea Dovizioso, dopo ben sette anni a Borgo Panigale, che potrebbe addirittura optare per il ritiro dalle corse.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Chiarito che gli attuali due ducatisti dovrebbero dunque lasciare Bologna alla conclusione dell’attuale campionato, quindi, resta una domanda: chi li sostituirà? Il sogno Marc Marquez, cullato per alcuni mesi e inseguito a suon di offerte da decine di milioni di euro, sembra definitivamente sfumato: il Cabroncito non intende lasciare la Honda. E anche l’ipotesi Fabio Quartararo non sembra destinata a portare molto lontano: il Diablo vede solo la promozione in Yamaha ufficiale.

I piloti sul taccuino della Ducati

Sul piatto restano dunque quattro candidature: quattro piloti in corsa per due moto. La prima scelta rimane Maverick Vinales, che pur essendo stato il più vincente tra i suoi compagni di marca nel 2019, rischia di trovarsi clamorosamente chiuse le porte della Casa dei Diapason nel caso in cui Valentino Rossi decida di rinnovare e venga affiancato, appunto, dal già citato Quartararo. Top Gun preferirebbe probabilmente restare a Iwata piuttosto che passare alla Ducati, ma il rischio di attendere la scelta di Rossi sul suo futuro, dunque di aspettare la prossima primavera, è molto elevato. Così, per evitare di ritrovarsi appiedato nel 2021, potrebbe accettare subito il corteggiamento di Gigi Dall’Igna e dei suoi e levarsi anticipatamente dai giochi del mercato piloti.

Altri due candidati forti sono gli attuali piloti del team satellite Pramac. Di Jack Miller su una Ducati ufficiale si parla già da metà dell’anno scorso, sull’onda della sua miglior annata in carriera dal punto di vista dei risultati. Ma anche il nostro Pecco Bagnaia, se proseguirà coerentemente la sua crescita di esperienza e di rendimento anche nella stagione che verrà, avrà indubbiamente le sue carte da potersi giocare.

E infine non va dimenticato anche l’outsider Johann Zarco, convinto proprio da Dall’Igna ad accomodarsi su una moto satellite del team Avintia nel 2020 con la promessa di essere valutato per la promozione in prima squadra nel Mondiale successivo. Sempre che i suoi risultati si rivelino all’altezza: questa clausola vale anche per lui.

Leggi tutto —> Johann Zarco: “Ecco cosa voglio dalla Ducati nel 2021”

Giovani per il futuro

Vinales, Miller, Bagnaia e Zarco: nel mazzo di questi quattro nomi verranno, con ogni probabilità, estratti i due futuri piloti della Ducati 2021. Ma la Rossa continua a guardare non solo al domani, ma al dopodomani: insomma, a tenere un occhio sui giovani talenti emergenti dalla Moto2 che potrebbero rappresentare un buon investimento per un avvenire più remoto. In pole position, in questa lista, c’è Jorge Martin, 21 anni, già campione del mondo di Moto3 nel 2018 e al secondo anno nella classe di mezzo con Ktm. La Casa bolognese gli avrebbe già messo gli occhi addosso per portarlo in MotoGP dal 2021, come al solito parcheggiandolo alla Pramac per essere svezzato a dovere. Insomma, gli obiettivi di cascomercato non mancano di certo…

Leggi anche —> MotoGP 2020, anno di mercato piloti: tutte le trattative dietro le quinte

Le due Ducati di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci (Foto Ducati)
Le due Ducati di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci (Foto Ducati)