Il ministero della Salute ha disposto il ritiro di un lotto di salame a marchio Salumificio Bertoletti srl, all’interno del quale è stata riscontrata la presenza di salmonella, batterio responsabile della salmonellosi.

prodotto ritirato
(foto dal web)

Con un avviso pubblicato sul proprio sito nella giornata di martedì 31 dicembre, il ministero della Salute ha ritirato dal mercato un lotto di salame per rischio microbiologico. Il richiamo, nello specifico, riguarda un lotto di salame a marchio Salumificio Bertoletti srl all’interno del quale, durante i test sul prodotto, sarebbe emersa la presenza di salmonella. Il ministero nell’avviso ha raccomandato a tutti i soggetti che fossero già in possesso del salume facente parte del lotto in questione a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita.

Leggi anche —> Disposto il ritiro di numerosi lotti di capsule di caffè: “Pericolose per la salute”

Il ministero della Salute pubblica l’avviso di ritiro di un lotto di salame: presenza di salmonella al suo interno

Per la presenza di salmonella al suo interno è stato ritirato dagli scaffali un lotto di salame. A renderlo noto è il ministero della Salute con un avviso pubblicato sulla sezione del proprio sito internet “Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori“. Nel dettaglio, oggetto del provvedimento è un lotto di salame a marchio Salumificio Bertoletti srl contrassegnato con il numero 251019 e la data di scadenza fissata al 20 aprile 2020. Il salame è stato prodotto da Salumificio Bertoletti srl nello stabilimento con sede in via delle Boschine 6 a Graffignana, comune in provincia di Lodi. Nell’avviso, il ministero ha raccomandato ai consumatori che avessero già acquistato il prodotto appartenente al lotto interessato a non consumarlo e riportarlo presso il punto vendita. La salmonella è il batterio responsabile della salmonellosi, una delle infezioni gastrointestinali più comuni, che può provocare disturbi come febbre, diarrea e crampi addominali, ma anche patologie più gravi, soprattutto in soggetti già debilitati da altre malattie. Tra le maggiori forme di contagio per l’uomo vi è l’ingestione di cibi contaminati, tra i più frequenti uova crude o derivati, latte crudo e carne di maiale.

Leggi anche —> Ritirato prodotto consumato durante le feste: l’avviso sul sito del Ministero

Il salame oggetto del ritiro (foto dal web)
Il salame oggetto del ritiro (foto dal web)