Influenza, non utilizzate gli antibiotici: un esperto spiega il motivo

Matteo Bassetti, Presidente della società italiana di Terapie Antinfettive si è espresso in merito alla malpractice di alcuni soggetti di autosomministrarsi, senza prescrizione medica, degli antibiotici per curare l’influenza.

Influenza e l'alimentazione per combatterla
Influenza (join base elmendorf)

L’influenza ha già colpito un milione e 400mila italiani, ma il numero è destinato ad aumentare: ad essere maggiormente a rischio bambini e chi ha deciso di non vaccinarsi. Sulle conseguenze di un errato approccio alla malattia ha parlato al Corriere della Sera Matteo Bassetti Presidente della società italiana di Terapie Antinfettive. Il medico ha espresso il proprio parere negativo circa la malpractice di alcuni soggetti di autosomministrarsi antibiotici per curare l’influenza.

Influenza, parla Matteo Bassetti: sconsigliata l’assunzione di antibiotici

È sempre più frequente il fenomeno per cui i soggetti colpiti da influenza si autosomministrino degli antibiotici con la convinzione che questo farmaco possa apportare importanti benefici.  A sfatare questo mito il dottor Matteo Bassetti, Presidente della società italiana di Terapie Antinfettive, il quale al Corriere della Sera ha spiegato che l’assunzione di antibiotici, senza prescrizione medica ed in questo particolare frangente, potrebbe causare più danni che effetti propedeutici. Bassetti ha affermato che l’unico metodo per curare l’influenza si identifica nel non abusare nell’utilizzo di farmaci e non lasciarsi andare a prescrizioni fai da te. Primi medicinali tra tutti da evitare gli antibiotici, i quali sarebbero inefficaci. Il potente farmaco, infatti, non ha alcun ruolo nella lotta contro i virus causativi dell’influenza poiché utile a contrastare solo i batteri. Stando a quanto rappresentato dal presidente della Sita, riporta Il Corriere della Sera, in molti nonostante i numerosi avvertimenti, continuano erroneamente a prescriversi antibiotici e per di più senza alcuna indicazione del medico curante.

Tale pessima pratica, ha aggiunto il dottor Bassetti al Corriere della Sera, sarebbe deleteria per l’intera sanità pubblica. L’utilizzo smodato e non richiesto dalla circostanza di antibiotici favorirebbe “la selezione di batteri resistenti, capaci di fare barriera quando è necessario contrastare germi pericolosi“. Il miglior metodo per contrastare l’influenza sarebbe, dunque, quello di non abusare di farmaci, rimanere a case per evitare di contagiare altri e lasciar sfogare il virus.

Leggi anche —> Influenza intestinale: alcuni pratici consigli per prevenire il virus

Influenza
(foto dal web)