Capodanno tragico per la MotoGP: ingegnere ucciso da un petardo

0
17204

L’esplosione di un petardo uccide in un tragico incidente, durante la notte di Capodanno, un ingegnere della MotoGP, per undici anni in Suzuki

Gary McLaren, ex ingegnere della Suzuki MotoGP, rimasto ucciso da un petardo in Thailandia (Foto da Facebook)
Gary McLaren, ex ingegnere della Suzuki MotoGP, rimasto ucciso da un petardo in Thailandia (Foto da Facebook)

La MotoGP è in lutto per la tragedia che ha colpito, proprio nella notte di Capodanno, una vecchia conoscenza del paddock: Gary McLaren, per undici anni ingegnere della Suzuki addetto all’acquisizione dati, e successivamente membro dell’associazione dei team. Un personaggio poco noto al grande pubblico, ma molto amato nella grande famiglia del Motomondiale, che è rimasto vittima di un drammatico incidente proprio mentre si stava godendo le meritate vacanze.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il 50enne inglese stava festeggiando l’arrivo del 2020 con la sua fidanzata e gli amici nella località di mare di Pattaya, in Thailandia. Poco dopo mezzanotte, ha tentato di accendere un grosso fuoco d’artificio, che però gli è esploso in faccia uccidendolo sul colpo. Vani si sono rivelati i tentativi di rianimazione da parte del personale medico accorso immediatamente sul posto.

La sua fidanzata thailandese Jasmine lo ha ricordato pubblicando un commovente post su Facebook corredato dalle foto della coppia: “Questa è l’ultima tua foto, amore, sarai nel mio cuore per sempre”, ha scritto.

Gary McLaren con la sua fidanzata Jasmine (Foto da Facebook)
Gary McLaren con la sua fidanzata Jasmine (Foto da Facebook)