Trovato cadavere | era di un uomo uscito mesi fa per passeggiare

0
89

Trovato cadavere a distanza di diversi mesi. Era la fine della scorsa primavera quando la vittima si allontanò da casa, ora l’epilogo tanto casuale quanto tragico.

trovato cadavere
Dopo mesi trovato cadavere di un uomo scomparso FOTO tuttomotoriweb

Trovato un cadavere, ed a diverso tempo dalla sparizione segnalata all’epoca alle autorità. Quel corpo rinvenuto ad Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, appartiene ad Angelo Zanchi. Si tratta di un uomo di 78 anni di età che lo scorso 6 giugno non fece più ritorno a casa. La scoperta del corpo c’è stata grazie alla segnalazione arrivata da un escursionista. I resti del pensionato giacevano abbandonati all’interno dei boschi in località Olera. Angelo Zanchi risiedeva a Nese, una frazione proprio di Alzano. Si era allontanato da casa sua in bici per fare un semplice giro. Una attività piacevole compiuta tante altre volte in quel territorio che conosceva bene. Purtroppo deve essere accaduto qualcosa che lo ha portato a finire tra due rocce, in mezzo alla vegetazione. Proprio lì, all’interno di una fenditura, un estraneo che stava compiendo una escursione nella natura, ha notato la presenza di qualcosa di strano.

LEGGI ANCHE –> Romina Power e l’abbraccio con Ylenia: il web si commuove – FOTO

Trovato cadavere, per gli inquirenti si tratta di un probabile suicidio

E così è stato ritrovato il cadavere dell’anziano. A dire la verità l’attività degli inquirenti sembra voler porre l’accento più su di un gesto volontario che su un tragico incidente. Il posto è alquanto isolato, per non parlare di quanto sia intricato proprio il punto esatto dove è stato notato il corpo. A giugno 2019 ci fu una grossa battuta di ricerca allo scopo di individuare il pensionato. Ma né con l’ausilio del personale della Protezione Civile e di numerosi volontari, né con l’impiego dei cani molecolari si giunse ad un lieto epilogo. Ora invece l’inaspettata svolta a distanza di così tanto tempo.

LEGGI ANCHE –> Ragazze investite, il racconto di chi era in macchina con Pietro Genovese