Pesce ritirato, allarme dal Ministero della Salute in vista del cenone

Pesce ritirato dal mercato
Pesce (flickr)

Scatta l’immediato allarme del Ministero della Salute per una categoria di pesce ritirato dal mercato e proveniente dal Sudamerica

Tempo di cenoni per le festività e anche tempo di maggiori controlli. La merce, e in particolar modo il pesce, si vende a quantità maggiori in questo periodo. La velocità di vendita e consumo può spingere persone senza scrupoli a cercare l’affare anche a costo di compromettere la salute delle persone. Ecco che i controlli scattano con maggiore attenzione del solito. Uno dei tanti ha portato all’allerta lanciata dal Ministero della Salute. Il dicastero ha ordinato il ritiro di code di Mazzancolle tropicali 36/40 attraverso un comunicato diramato nella giornata di ieri. Il marchio sulla confezione prende il nome di Luna nera.

L’azienda e il motivo che ha causato il ritiro del pesce

Il Ministero della Salute ha provveduto anche a dettagliare le informazioni per una migliore trasparenza. E’ venuto fuori, così, il nome dell’azienda che commercializza il prodotto. Si tratta della Comavicola Commerciale Avicola Spa. La produzione, invece, è a carico della Proexpo, Processadora Y Esportadora de mariscos S.A. direttamente dall’Ecuador. Per quanto riguarda il lotto di produzione si tratta del numero 1909413-0 con scadenza ad aprile 2021. Per quanto riguarda il motivo, il dicastero della salute ha provveduto anche a diffondere i motivi del pesce ritirato. Nel prodotto sopra indicato sono stati riscontrati valori di solfiti oltre i limiti previsti dalla legge italiana. L’attenzione è massima su tutto il territorio italiano, specie in queste giornate di intenso consumo di cibo, in particolar modo di pesce e della tipologia che riguarda il ritiro effettuato. In basso le foto delle scatole dei prodotti ritirati.

Pesce ritirato dal mercato
Pesce ritirato (dal web)

Leggi anche >  Formaggi ritarati dal mercato

Leggi anche >  Johnson & Johnson talco ritirato dal mercato