Melandri: “Avevo paura della Ducati, vi spiego perché ho lasciato”

0
13134

MotoGP | Marco Melandri è tornato a parlare dell’anno vissuto in MotoGP in Ducati che lo ha spinto alla rescissione del contratto con un anno di anticipo.

Marco Melandri (Getty Images)
Marco Melandri (Getty Images)

Marco Melandri ha vissuto indubbiamente una carriera di grande spessore. Il rider italiano ha portato a casa un Mondiale in 250, 22 successi e 62 podi nel Motomondiale e nel 2005 ha conteso il titolo a Valentino Rossi chiudendo alle sue spalle. Il momento più buio della sua carriera in MotoGP però è stato sicuramente l’anno in Ducati nel 2008.

Passato alla Rossa di Borgo Panigale Melandri chiuse con appena 51 punti e il 5° posto in Cina come suo miglior piazzamento stagionale. Oggi, a distanza di anni, ai microfoni di “Motorsport.com”, il ravennate ha così raccontato: “Quando ero in Ducati ho deciso di mollare dopo una sola stagione. Io avevo un contratto di due anni, ma ho rinunciato ai soldi e ho cambiato. Non mi piaceva, avevo addirittura paura di quella moto”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Melandri: “Quando entri in questo vortice puoi solo cambiare marca”

Melandri ha poi proseguito: “Se un pilota ha paura non può andare veloce. La decisione presa non è stata semplice, ma avevo già in testa il piano Kawasaki. Poi però si sono ritirarti. Se non hai fiducia nella moto è complicato essere veloci. Puoi essere il migliore del mondo e guidare la migliore moto del mondo, ma se non trovi il feeling con la moto non sarai mai veloce”.

Infine il rider italiano ha così concluso: “All’inizio è complicato, ma poi capisci che devi seguire i tuoi sentimenti. A quel punto non pensi più al tuo compagno di team. Nel momento in cui entri in questo tipo di vortice solo un cambio di marca ti può aiutare, non c’è altra alternativa”.

Antonio Russo

Leggi anche —> Dalle moto alle bici: Marco Melandri cade e si fa male al braccio (VIDEO)

Melandri (Getty Images)
Melandri (Getty Images)