Ucciso dal regalo compratosi con il primo stipendio: il dolore della madre di un 17enne

0
12290

Luca Pezzutti, giovane di 17 anni, è morto in un incidente stradale mentre provava la moto acquistata con il suo primo stipendio da elettricista.

tumore al cervello
(foto dal web)

Un regalo che l’ha condotto alla morte quello che Luca Pezzutti, giovane di 17 anni, aveva deciso di concedersi con il suo primo stipendio da elettricista. Una moto fiammante che durante il giro di prova gli è costata la vita poco prima di Natale. Sua madre stava preparando il pranzo quando è stata raggiunta dalla terribile notizia.

Muore a 17 anni per un incidente in moto: era il suo regalo di Natale comprato con il primo stipendio

Luca Pezzutti, giovane elettricista di Pescincanna di Fiume Veneto (Pordenone), in Friuli, è morto a seguito di un incidente in moto. Il ragazzo con il suo primo stipendio aveva deciso di regalarsi il 23 dicembre una Honda fiammante, ma durante il giro di prova qualcosa è andato storto ed il ragazzo ha perso la vita. La terribile notizia ha raggiunto la madre mentre quest’ultima stava preparando il pranzo di Natale. Stando a quanto riportato dalla redazione di Fanpage la donna, Erika Dalla Torre, avrebbe affermato: “Mi ha salutata dandomi un abbraccio. Mi ha detto di stare tranquilla, che sarebbe tornato presto. Adesso mio figlio non c’è più”. Luca Pezzutti stava percorrendo via Viatta, ad un paio di chilometri da casa, quando avrebbe inspiegabilmente perso il controllo della sua motocicletta e sarebbe finito in un fosso perdendo la vita sul colpo a causa del violento impatto.

Erika Dalla Torre era intenta, riporta Fanpage, a preparare il pranzo del 25 dicembre, quando davanti al suo cancello si sono presentati due agenti della Polizia Stradale, giunti nella sua abitazione per informarla dell’accaduto. Con il suo primo stipendio il ragazzo aveva deciso di acquistare una moto come quella che aveva suo padre, era una cosa che desiderava da tempo ed ora che era riuscito a racimolare il denaro non aveva più intenzione di aspettare. Stando a quanto riferisce Fanpage, la donna avrebbe proseguito dicendo: “Gli avevo detto di aspettare suo padre, che sarebbe tornato a casa nel pomeriggio. Ma lui aveva fretta, gli brillavano persino gli occhi al solo pensiero di metterla in moto. Si è avvicinato e sorridendo mi ha detto: ‘Dai cicciona (modo affettuoso per chiamare la madre ndr) solo un giretto. La provo qua vicino e poi torno a casa’. Prima di andare via mi ha abbracciata e mi ha dato un bacio. Ero tranquilla, sapevo di avere un figlio con la testa sulle spalle, che non faceva niente senza prima aver chiesto il permesso. E invece me l’hanno portato via per sempre“. Una tragedia che ha strappato via dalla Terra una giovane vita che tanto ancora aveva davanti a sé.

Leggi anche —> Delitto di Garlasco, Dna prelevato senza consenso: chiesta archiviazione

Ambulanza
Ambulanza (foto dal web)