Schianto mortale in scooter: muore una giornalista

0
144

Incidente mortale in scooter sul Lungomare di Salerno. Muore una giovane giornalista 33enne, Marta Naddei. 

Marta Naddei
photo Facebook

Marta Naddei stava rientrando a casa in sella al suo scooter nella notte tra il 27 e il 28 dicembre, quando la sua vita è stata spezzata da un incidente fatale. 33 anni, giornalista di Salerno, firma de “Le Cronache” e “L’Ora di Cronache”, ha perso il controllo del mezzo, schiantandosi contro l’asfalto sul lungomare Marconi. Trasportata d’urgenza all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, i medici l’hanno ricoverata in rianimazione, facendo il possibile per salvarla. Purtroppo è deceduta nel pomeriggio di ieri.

L’incidente sarebbe avvenuto intorno alle 3:30 di notte. Immediati i soccorsi, sia da parte degli automobilisti che transitavano che del 118, ma non c’è stato nulla da fare. Ha lottato per qualche ora prima di dirci addio. La redazione de “Le Cronache” ha pubblicato su Facebook una semplice, intensa sua foto sorridente. Il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ha invece scritto un post per esprimere la vicinanza dell’Amministrazione alla famiglia.

Leggi anche -> Tragedia sulla provinciale, schianto fatale: muore un giovane militare

Il cordoglio della città

“Esprimo ai familiari, colleghi ed amici il profondo cordoglio mio personale e della Civica Amministrazione per la tragica morte di Marta Naddei. Era una giovane giornalista di grande valore, scrupolosa e tenace nella ricerca di notizie e nel racconto documentato dei fatti. Quanto ci mancheranno la sua quotidiana presenza a Palazzo di Città, le sue domande argute, i suoi titoli geniali, i suoi articoli coraggiosi. Addio Marta la tua giovane vita è stata un dono meraviglioso per la nostra comunità. Troveremo il modo per onorare degnamente la tua indimenticabile memoria”.

Insieme ad Andrea Pellegrino aveva scritto un libro del quale andava fierissima, «Il sistema Salerno – La cupola del potere tra politica e imprenditoria». La famiglia di Marta ha dato l’assenso al prelievo delle cornee. Un ultimo gesto d’amore che permetterà a una parte di lei di vivere in qualcun altro.