Liberty Media continua a spingere per portare la F1 sempre più fuori dall’Europa. Nelle ultime ore si è fatta insistente la voce di un ulteriore GP in Sud America.

(©Mallol Arquitectos)

In realtà si tratta molto di più di un’indiscrezione visto che il progetto di un nuovo circuito è già stato formalizzato su carta. L’opera, a firma di Mallol Arquitectos, porta come data l’ottobre 2019 e potrebbe trovare realizzazione in tempi neppure tanto lontani.

Il Circus pronto a sbarcare a Panama?

Ebbene sì. Famosa per le sue spiagge e i suoi “Papers” con annessi osteggiatori del fisco, la Penisola baciata ai due capi da Costa Rica e Colombia potrebbe entrare a far parte del calendario della massima serie a ruote scoperte.

Secondo il disegno provvisorio, il tracciato di 5 km, si snoderebbe lungo la Cinta Costiera, nello specifico dal Parador Fotográfico, nei pressi del Club di Yatch e Pesca, fino all’Ospedale Paitilla. Quindi ancora lungo la strada 53 a Marbella e la 50 per poi tornare alla Cina attraverso via Aquilino de la Guardia.

Situato fronte mare, lo spazio dedicato alla F1 sarebbe già provvisto di ponti pedonali per facilitare l’accesso, nonché di numerosi hotel per accogliere fan e personale. Altri lavori relativi al miglioramento della viabilità sarebbero invece in programma.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A rendere questa pazza idea più credibile, anche un documento ufficiale che attesta come la pista sarà operativa dal marzo 2022.

Va detto che mentre le corse esotiche sono tutte molto ben organizzate, quelle nel Vecchio Continente sono estremamente scomode e carenti di infrastrutture, nonché di mezzi di collegamento con gli impianti.

Se dunque Panama andrà a sostituire un round europeo resta ancora da vedere. Di certo c’è che il futuro del Brasile è in bilico, mentre in Messico ha appena rinnovato il contratto con gli americani di Liberty fino proprio al 2022.

(©Mallol Arquitectos)

Chiara Rainis