Ragazze investite | amica ammette | “Un divertimento attraversare lì”

“Facciamo così da sempre, lo troviamo divertente. Ma subito ho capito che tutto era accaduto in quel punto”. A parlare è una amica di Gaya Von Freymann e Camilla Romagnoli, le due ragazze investite e morte a soli 16 anni a Roma in Corso Francia.

Ragazze investite
Una amica delle ragazze investite fa una confessione che spiazza tutti FOTO tuttomotoriweb

Ieri hanno avuto luogo i funerali delle ragazze investite in Corso Francia a Roma una settimana fa. Come ormai ampiamente noto, le povere vittime si chiamavano Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Entrambe avevano 16 anni e sono morte dopo che il 20enne Pietro Genovese le ha travolte a velocità di certo non bassa tra sabato 21 e domenica 22 dicembre 2019. Secondo il pubblico ministero che sta seguendo il caso, ci sarebbe una compartecipazione di colpa generale tra il giovane alla guida e le ragazze investite. Pietro Genovese – figlio del regista Paolo – si era messo al volante con un tasso alcolemico di 1.4, di gran lunga superiore rispetto ai limiti fissati dalla legge. Tale soglia è pari a 0.5 ed a zero preciso per i neopatentati come lui. Inoltre allo stesso era stata già sospesa la patente dopo essere stato trovato in possesso di dosi di hashish.

LEGGI ANCHE –> Ragazze investite | la posizione di Pietro Genovese potrebbe alleggerirsi

Ragazze investite, sia Genovese che le vittime avrebbero delle responsabilità

Non è possibile però provare che le tracce di droga – riscontrate assieme a quelle di alcolici – possano avere influito sullo stato psicofisico del ragazzo. Che comunque ha le sue dosi di colpa. Così come Gaia e Camilla, che hanno imprudentemente attraversato la carreggiata. Lo avrebbero fatto a semaforo rosso per i pedoni – cosa comprovata – e dopo avere scavalcato un guardrail. Inoltre stava anche piovendo. La madre di Gaia rivela delusa che la famiglia Genovese non si è fatta viva con loro. “E gli arresti domiciliari sono troppo poco, meritava qualcosa di più. Lui resta un disperato che ha portato via due angeli. Nemmeno una telefonata, ma va bene così”. Parla però Emma Genovese, sorella di Pietro. Che su Instagram si è sfogata dicendo che “la colpa è di Gaia e Camilla”.

L’amica di Gaia e Camilla: “Da sempre facciamo così”

Una amica di quest’ultima ora ha rivelato come attraversare nel tratto di strada dove ha avuto luogo la tragedia fosse un punto abituale per questa cosa. “Attraversiamo da sempre proprio lì. Quando mia mamma mi ha svegliata dicendomi cosa era successo, avevo subito capito che il tutto era avvenuto proprio lì. Lo facciamo perché siamo giovani, perché pensiamo che basti guardare a destra e a sinistra e poi correre. Anche io l’ho fatto. Prendi la rincorsa, scavalchi il guardrail e vai più veloce che puoi dall’altra parte. Magari pensiamo anche che sia divertente.