Fritz Enzinger, vicepresidente Porsche Motorsport, ha rivelato che nel 2017 c’è stata la possibilità di un ritorno del marchio tedesco in Formula 1.

Porsche Logo
Porsche Logo (©Getty Images)

Il marchio Porsche è tra i più conosciuti a livello internazionale quando si parla di automobili. Non tutti lo ricorderanno, ma l’azienda di Stoccarda tra il 1957 e il 1964 ha partecipato anche al campionato di Formula 1.

Nel 1962 vinse il Gran Premio di Francia con Dan Gurney, il quale conquistò pure la pole position in Gran Bretagna nel medesimo anno. Il pilota americano è salito sul podio pure in altre quattro occasioni. Nel 1983 il ritorno in F1 come fornitrice di motori alla McLaren, che si aggiudicò due titoli costruttori (1984, 1985) e tre piloti (1984, 1985, 1986). Nel 1991 fallimentare esperienza con il team Footwork e addio al campionato.

Formula 1, sfumato il rientro di Porsche nel 2017

Nel recente passato si è parlato di un ritorno della Porsche, nuovamente come fornitrice di motori. Tuttavia, ciò non si è verificato. Eppure, le indiscrezioni circolate non erano falsità. Infatti Fritz Enzinger, responsabile motorsport, a Speedweek ha rivelato: «Quando il comitato esecutivo del Gruppo ha commissionato un motore da corsa altamente efficiente nel 2017, Porsche non solo lo aveva progettato, ma lo aveva già costruito. Siamo stati coinvolti nelle discussioni normative tra la FIA e Liberty Media. Tuttavia, nella fase di costruzione, la decisione del gruppo è stata di puntare sull’elettrico. Il motore V6 da 1,6 litri era già sul banco di prova».

Porsche ha abbandonato ogni pensiero sulla Formula 1 e, invece, ha preso parte alla FormulaE. Sarebbe stato interessante rivedere i motori della prestigiosa casa tedesca in F1, ma i vertici dirigenziali hanno preferito appoggiare un programma improntato maggiormente sull’elettrico. Attenzione maggiore, dunque, all’ambiente.

Porsche Logo
Porsche Logo (©Getty Images)