Baba Vanga, profetessa di catastrofi: avvenimenti assurdi nel 2020

0
694

Baba Vanga, veggente morta in Bulgaria nel 1996, è stata considerata come la Nostradamus dei Balcani: per il 2020 avrebbe previsto nefasti accadimenti per Vladimir Putin e Donald Trump: le loro vite saranno in pericolo.

Baba Vanga
Baba Vanga (foto dal web)

Baba Vanga, morta in Bulgaria nel 1996, avrebbe predetto un 2020 nefasto per Vladimir Putin e Donald Trump: secondo le profezie della donna il primo sarà oggetto di un attentato, il secondo, invece, diverrà sordo e gli verrà diagnosticato un tumore al cervello. Baba Vanga aveva predetto l’attentato alle Torri Gemelle del 2001 ed altre tragedie che hanno colpito l’umanità.

Baba Vanga profezie del 2020: le vite di Putin e Trump in pericolo

Sarà un anno davvero difficile per il presidente russo Vladimir Putin e quello americano Donald Trump se le profezie di Baba Vanga si dovessero avverare. La veggente, morta nel 1996 avrebbe infatti predetto che il primo cadrà vittima si una congiura di palazzo: tutto, riporta Leggo, inizierà con un attentato alla sua vita. Su Mosca, inoltre, potrebbe abbattersi un meteorite. Il tycoon, invece avrà secondo le predizioni di Baba Vanga seri problemi di salute: dapprima verrà colpito da una malattia che lo renderà sordo e poi gli verrà diagnosticato un tumore al cervello dopo l’insorgenza di alcuni sintomi come nausea ed acufene.

Baba Vanfa al secolo Vangelia Pandeva Dimitrova, nacque in Macedonia nel 1911 da una famiglia molto povera ed a soli 12 perse la vista. Considerate le precarie condizioni economiche non fu possibile curarla perciò rimase non vedente per il resto della vita. A pochi giorni dall’incidente che l’aveva colpita la donna iniziò ad avere, riporta Leggo, le sue prima visioni. Secondo coloro i quali credevano in Baba Vanga, quest’ultima era in grado non solo di predire il futuro, ma anche di leggere nel pensiero. Tra le profezie poi avveratasi della donna di certo la più importante è quella dell’attentato alle Torri Gemelle, avvenuto l’11 settembre del 2001 negli Usa. In merito Baba Vanga aveva detto nel 1989: “Orrore, orrore! La fratellanza americana cadrà dopo essere attaccata da uccelli d’acciaio. I lupi ululeranno nel cespuglio e scorrerà sangue innocente“. Ma non è tutto, negli anni ’50, riporta Leggo, aveva predetto il riscaldamento globale e lo tsunami del 2004: “Le regioni fredde diventeranno calde e i vulcani si sveglieranno. Un’onda gigantesca colpirà una grande costa e le città, gli edifici e le persone, saranno completamente sommersi dalle acque. Tutto si scioglierà come il ghiaccio“. Baba Vanga aveva previsto, nel 1980, anche la tragedia del sottomarino Kursk del 2000: “Alla fine del secolo, nell’agosto 1999 o 2000, Kursk – riporta Leggosarà sommersa dalle acque e tutto il mondo piangerà per lei“. La veggente macedone aveva anche vaticinato l’elezione del primo presidente di colore americano, Barack Obama, la primavera Araba del 2010 e che la Cina sarebbe diventata una delle potenze economiche più grandi del pianeta.

Leggi anche —> Precipita aereo con 100 persone a bordo, una tragedia

Vladimir Putin e Donald Trump
Vladimir Putin e Donald Trump (Getty Images)