Jack Miller: “Il cambio di moto richiede tempo, se non sei Valentino Rossi”

0
3469

Jack Miller tra i pochi a non aver sofferto il passaggio ad un altro costruttore. L’obiettivo per il 2021 è il Ducati Team.

Jack Miller
Jack Miller (Getty Images)

L’alfiere della Pramac Ducati Jack Miller ritiene che i piloti della MotoGP abbiano attualmente bisogno di “due o tre anni” per adattarsi al cambio di marchio. L’australiano ha debuttato in classe regina nel 2015 con una Honda e dopo tre anni con l’Ala dorata si è trasferito al servizio della Ducati.

Nonostante abbia ottenuto con Honda la sua unica vittoria nella categoria – nel 2016 ad Assen sotto un acquazzone -, nel 2019 ha firmato la sua stagione migliore, raggiungendo quattro podi, tre nelle ultime sei gare, e finendo il campionato in ottava posizione. L’australiano è uno dei pochi piloti che negli ultimi tempi può vantare di non aver sofferto per il cambio di costruttore. Cosa che non è accaduta quest’anno con Jorge Lorenzo e Johann Zarco con rispettivamente Honda e KTM.

Miller all’assalto del team Ducati ufficiale

Analizzando la situazione dello spagnolo, Miller ha affermato che non era dovuto alla mancanza di lavoro. “In questo momento nella MotoGP è un po’ difficile passare da un marchio all’altro”, ha affermato Jack Miller. “È diverso (rispetto a prima, ndr). Penso che tu abbia bisogno di due o tre anni e, quando ne hai 30, due o tre anni diventano tanti, a meno che tu non sia Valentino Rossi.

Leggi anche —> Crutchlow a sorpresa: “Non sono come Rossi, a fine 2020 potrei smettere”

Non si tratta solo di una moto differente: “È molto difficile, perché la cosa più importante è capire come funzionano le gomme, come funziona ogni moto, quali sono i suoi punti di forza e cosa non si può fare nei test invernali. Devi competere, fare esperienza ed è un po’ complicato farlo”. In estate il pilota australiano ha deciso di continuare l’avventura in Ducati satellite piuttosto che passare nel team factory KTM. “Il mio obiettivo è quello di passare al team ufficiale Ducati”, ha detto a Motorsport.com. “Se non potrò andare lì, ci saranno altri posti. Penso che sia un momento importante. Ci sono alcuni piloti in scadenza di contratto, è abbastanza positivo vedere arrivare nuove leve. Tutti vogliono vedere i veterani, ma è anche bello vedere arrivare nuovi piloti che fanno bene”.

Danilo Petrucci Jack Miller
Danilo Petrucci e Jack Miller nel 2020 si giocheranno molto in Ducati (Getty Images)