Superbike meglio della MotoGP: la scelta fatta da BMW

0
144

Markus Schramm, direttore di BMW Motorrad, ha spiegato che la partecipazione al campionato mondiale Superbike è più utile di quella alla MotoGP per la casa tedesca.

Markus Schramm BMW Superbike
Markus Schramm (foto BMW Group)

BMW nel 2019 è tornata ad impegnarsi ufficialmente nel campionato mondiale Superbike e ha ottenuto buoni risultati. Con Tom Sykes la nuova S1000RR si è mostrata una moto competitiva, seppur con dei limiti legati al motore e al consumo delle gomme.

Per il 2020 l’obiettivo è quello di crescere ulteriormente e ci sarà Eugene Laverty a dare una mano al team. Deludenti i risultati di Markus Reiterberger, dunque è stato ingaggiato un nuovo pilota e la scelta è ricaduta su un profilo esperto come il nord-irlandese. Il potenziale per una stagione positiva sembra esserci, ma pure la concorrenza sta affilando le armi.

BMW preferisce la Superbike alla MotoGP

BMW è un marchio di fama mondiale e a Dorna non dispiacerebbe affatto un eventuale approdo futuro in MotoGP. Stesso discorso per Kawasaki. Tuttavia, nessuna delle due case sta pensando di fare il grande salto nel Motomondiale.

Markus Schramm, direttore di BMW Motorrad, a motorsport-total.com ha spiegato la scelta della casa di Monaco: «Nel campionato mondiale Superbike ci sono effetti di sinergia tecnica più forti rispetto alla MotoGP. A mio avviso, l’effetto aggiuntivo sul marchio sarebbe marginale partecipando alla MotoGP. Non giustificherebbe lo sforzo che dovremmo fare. Per noi i nostri clienti e il campionato mondiale Superbike sono chiaramente in primo piano».

Il manager tedesco è soddisfatto dei risultati che l’azienda sta ottenendo: «Nella passata stagione 120 piloti clienti hanno preso parte a 25 campionati ottenendo 250 podi, 90 vittorie e 9 titoli. Questo è l’obiettivo della BMW».

Schramm è stato grande fautore del ritorno in forma ufficiale di BMW nel WorldSBK: «Il campionato mondiale Superbike è il massimo nelle corse motociclistiche standard. Ho iniziato il 2 maggio e già il 3 maggio ho detto che dovremmo prendere in considerazione il ritorno in WSBK». Vedremo se il celebre marchio tedesco riuscirà ad avere successo nella categoria.

Leggi anche -> SUPERBIKE, LOWES AL LIVELLO DI REA? KAWASAKI CI CREDE

Tom Sykes Superbike
Tom Sykes sul podio Superbike a Misano (©Getty Images)