McLaren: “Non faremo nessuna supercar elettrica fino a che…”

0
159
(websource)

Poiché la maggior parte delle case automobilistiche continua a investire in veicoli elettrici, la McLaren sta tenendo duro – e per una buona ragione. In una recente intervista a ‘The Detroit Free Press’, Mike Flewitt, CEO della McLaren, ha dichiarato che la tecnologia necessaria non esiste per una supercar McLaren elettrica. Non ancora, comunque.

Nell’intervista, Flewitt dichiara che il peso dei pacchi batteria di oggi non “permette di avere grandi auto sportive completamente elettriche“. Mentre i propulsori elettrificati offrono una serie di vantaggi in termini di prestazioni, farli funzionare in piccole e agili auto sportive è una sfida persistente che non si risolverà fino a quando la tecnologia delle batterie non migliorerà.

In un’intervista di settembre, Jamie Corstorphine, direttore del marketing globale della McLaren, ha detto che la McLaren sta esplorando un’offerta completamente elettrica, anche se l’azienda non ne costruirà una fino a quando la McLaren non potrà promettere che sarà un’auto sportiva migliore di quella con motore a combustione interna.

Gli ibridi sono una questione diversa. La casa automobilistica ne ha offerto uno con la McLaren P1 nel 2013. Ha aiutato a inaugurare l’era dell’ipercar ibrida. La prossima primavera, la McLaren lancerà una nuova piattaforma che ospiterà i propulsori ibridi. Il primo nuovo ibrido McLaren sarà lanciato prima della fine del 2020 prima di arrivare negli Stati Uniti all’inizio del 2021. La McLaren prevede di offrire una versione ibrida plug-in di ogni modello entro i prossimi 3-4 anni, offrendo fino a 32 chilometri di autonomia elettrica.

I veicoli elettrici sono il futuro ma bisogna fare i conti con la tecnologia attuale. I pacchi batteria sono pesanti, aggiungendo peso e stress al telaio del veicolo. Man mano che i pacchi batteria diventeranno più efficienti e compatti, metterli in una McLaren avrà più senso, offrendo al tempo stesso prestazioni superiori.