Bella notizia per i fan della F1: a Milano monumento ad un big

0
58
F1 (Getty Images)
F1 (Getty Images)

In onore di un nome storico dell’automobilismo italiano come Alberto Ascari verrà eretto un monumento nel Largo a lui intitolato nella città di Milano. La conferma arriva dall’ACI.

Mentre sorprende ogni volta come la sua tomba nel prestigioso Cimitero Monumentale del capoluogo lombardo sia trascurata, se non proprio in stato di abbandono, Alberto Ascari e la sua memoria potranno risplendere in un monumento che a breve farà la sua apparizione in zona Romolo.

Scomparso sul circuito di Monza il 26 maggio 1955 mentre si trovava al volante della Ferrari 750 Sport dell’amico Eugenio Castellotti di cui tra l’altro indossava il casco, il temerario pilota milanese verrà finalmente omaggiato dal luogo che gli ha dato i natali.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A diffondere la notizia è stato il Presidente di ACI Milano Geronimo La Russa con un comunicato stampa ufficiale.

Sono particolarmente felice della decisione del Comune di Milano e della Sovraintendenza di accogliere l’offerta dell’Automobile Club locale di realizzare, senza costi per l’Amministrazione comunale, un monumento dedicato al pilota e campione del mondo di Formula 1 Alberto Ascari. Il monumento, che sarà posto nell’omonimo largo, vuole rendere indelebile il ricordo di uno sportivo che con le sue vittorie ha contribuito a tenere alto il prestigio italiano nel mondo”, si legge sulla nota – annuncio.

Si tratta dell’ultimo italiano ad avere vinto il titolo iridato in F1 ed è l’unico ad esserselo aggiudicato due volte. Giusto che Milano, sua città natale, lo ricordi in modo adeguato”,conclude il documento.

Nato il 13 agosto del 1918, ha preso parte nel complesso a 32 GP validi per il campionato mondiale. La sua firma l’ha lasciata in 13 corse, mentre in piazza d’onore è arrivato in quattro occasioni. Le corone d’alloro portano la data 1952 e 1953. La sua figura sarà sempre legata a quella del Cavallino.

Alberto Ascari (Getty Images)

Chiara Rainis