Un liquore al cocco avrebbe causato in una cittadina delle Filippine almeno otto morti e l’avvelenamento di circa 300 persone ricoverate in ospedale, alcune sarebbero in condizioni critiche.

Bicchiere liquore
(Getty Images)

Nelle Filippine un liquore al cocco avrebbe ucciso almeno otto persone, mentre circa 300 sarebbero state ricoverate in ospedale, alcune delle quali in gravi condizioni. Come riferito dalle autorità locali e riportato dalla redazione del quotidiano La Repubblica, la bevanda incriminata, conosciuta anche con il nome lambanog, avrebbe contenuto una quantità eccessiva di metanolo che ha, dunque, provocato l’avvelenamento di centinaia di persone.

Leggi anche —>

Filippine, liquore al cocco killer: almeno 8 morti e 300 persone in ospedale, alcune delle quali in gravi condizioni

È di almeno 8 persone decedute e circa 300 ricoverate in ospedale, alcune dei quali in condizioni critiche, il bilancio dell’avvelenamento provocato da un liquore killer al cocco a Rizal, cittadina a sudest di Manila nelle Filippine. Come spiegato dalle autorità locali e riportato da La Repubblica, il liquore in questione, conosciuto come lambanog con una gradazione alcolica del 40% e molto venduto soprattutto durante le festività natalizie, conteneva un alto tasso di metanolo che ha causato l’avvelenamento. Le vittime avrebbero acquistato la bevanda nello stesso negozio e successivamente, dopo averla ingerita, avrebbero accusato forti dolori allo stomaco e vertigini. Purtroppo come temono le autorità filippine, il già grave bilancio potrebbe aumentare nelle prossime ore considerate le gravi condizioni di alcune delle persone avvelenate e ora ricoverate in ospedale. Il portavoce del Philippine General Hospital di Manila, Jose Jonas Del Rosario ha spiegato all’Afp: “Abbiamo chiesto a molti dei nostri medici in congedo -riporta Repubblicadi rientrare dalle ferie e di lavorare solo per occuparsi dei pazienti“. Il titolare del negozio in cui è stata acquistata la bevanda, di cui è stata immediatamente bloccata la vendita, si sarebbe consegnato alle autorità filippine dicendosi disposto a collaborare. Purtroppo nei paesi asiatici, riporta La Repubblica citando la Bbc, l’avvelenamento da metanolo per la distillazione di bevande clandestine non è una novità: l’anno scorso sarebbero 21 le persone decedute dopo aver consumato il lambong.

Leggi anche —> Terremoto Mondo: scossa di magnitudo 6.8, diversi morti tra cui un bambino

Ambulanza nelle Filippine
Ambulanza nelle Filippine (foto dal web)