L’ondata di maltempo che si sta abbattendo in queste ore sull’Italia ha già fatto registrare due morti: la Protezione Civile ha diramato l’allerta meteo in undici regioni della penisola.

Maltempo Sicilia
(foto dal web)

La Protezione Civile, per la giornata di oggi, domenica 22 dicembre, ha diramato l’allerta meteo arancione in ben undici regioni. Secondo le ultime previsioni la penisola continuerà a rimanere in ginocchio a causa delle condizioni meteorologiche avverse. Forti venti ed abbondanti piogge si abbatteranno soprattutto al centro Sud che ad inizio settimana aveva goduto di uno scampolo d’autunno con temperature ben oltre la media stagionale. Ad ora l’ondata di maltempo ha già fatto registrare due vittime: una in Friuli e l’altra in Toscana.

Maltempo, diramata allerta meteo arancione: peggioramento in vista

Non accenna a dare segni di miglioramento il meteo, il quale anzi pare subirà un ulteriore peggioramento nelle prossime ore. La protezione Civile, pertanto, ha diramato l’allerta meteo arancione  in ben 11 regioni considerate le previsioni. Stando a quanto riporta Fanpage, il Centro-Sud, in particolar modo il versante tirrenico, sarà colpito da piogge abbondanti e venti forti a causa della perturbazione atlantica che è giunta sulla penisola toccando per prima il Mar Ligure.

Le condizioni meteorologiche avverse avevano portato, già nella giornata di ieri sabato 21 dicembre, il Dipartimento della Protezione Civile ad innalzare il grado d’allerta, soprattutto in Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise, oltre in Campania, Basilicata e Calabria stante le abbondanti precipitazioni. Per oggi, domenica 22 dicembre, la Protezione Civile, sul proprio sito riporta: “Allerta arancione sulla Campania e su parte di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Molise, Basilicata, Calabria e Sardegna. Valutata, inoltre, allerta gialla sui restanti settori del Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Basilicata e Calabria, su parte del Veneto, della Lombardia, della Liguria, su Marche e Abruzzo, sulla Sardegna sud-occidentale“.

Due morti a causa del maltempo: penisola in ginocchio

Nella giornata di ieri, a causa del maltempo, si sono registrate due morti. In Friuli Venezia Giulia, riporta Fanpage, l’auto di un uomo è stata travolta dalla corrente. Nonostante il transito fosse stato interrotto, il conducente ha comunque deciso di percorrere la strada perdendo la vita tra Zoppola e Cordenons, in provincia di Pordenone. L’altra vittima era toscana, un motociclista caduto, riporta Fanpage, nel fiume Santerno, nella zona del Mugello.Il suo corpo sarebbe stato rinvenuto nel pomeriggio da alcuni volontari impegnati nelle ricerche a circa 10 km dal punto in cui era scomparso. Privo di vita, i sommozzatori dei Vigili del Fuoco ne hanno portato il corpo a riva dopo il personale sanitario del 118 ne ha certificato il decesso. Tragedia sfiorata, sempre in Toscana dove due persone hanno rischiato la vita, riporta Fanpage, essendo rimaste bloccate nel proprio veicolo a seguito dell’esondazione di un torrente. Salve anche le persone, sempre in auto tra Livinallongo e Cortina, sul Passo Valparola, che erano state investite da una valanga. A darne notizia, riporta Fanpage, i Carabinieri.

Maltempo
(foto dal web)

Leggi anche —> Meteo, week-end con la neve: dove e quando