Massimo Bossetti verso nuove indagini. Ritrovati nuovi clamorosi elementi sul caso e la famiglia di Yara è d’accordo a riaprire

Il settimanale Oggi ha raccolto delle conferme sulla possibilità che possa riaprirsi il processo di Yara Gambirasio. Questo potrebbe dare la possibilità di giungere per Bussetti verso nuove indagini. Ora Massimo è condannato all’ergastolo, ma può ottenere qualche spiraglio sulla sua posizione. Il tutto è legato al ritrovamento di nuovi importanti reperti che potrebbero cambiare le cose portare Massimo Bussetti verso nuove indagini. I legali di Bussetti sono stati addirittura anticipati dai rappresentanti della famiglia di Yara sulle richieste alla procura. L’avvocato Andrea Pezzotta, infatti, per tutelare il caso lo scorso sabato 7 dicembre ha depositato in Corte di Assise un’istanza di custodia dei reperti. In sostanza, il legale ha chiesto che vengano conservati e custoditi senza che vi sia il rischio di distruzione o inquinamento. Inoltre, ha chiesto che sia dato l’accesso di ricognizione di tali reperti soltanto in presenza di tutte le parti in causa. Intanto, i legali di Bussetti si sono mossi con un istanza che dovrebbe portare Massimo Bussetti verso nuove indagini.

Nuove indagini per Massimo Bossetti
Yara e Bossetti

Respinta richiesta in risposta ai legali di Bossetti verso nuove indagini

La mossa del legale della famiglia di Yara non sembra aprire a nuovi spiragli per Massimo Bussetti. L’avvocato Andrea Pezzotta è stato chiaro: “Sulla responsabilità di Bossetti non ho dubbi. Si potrebbe discutere su altri aspetti e porsi magari una domanda: ha fatto tutto da solo? Oggi con quel che abbiamo è impossibile rispondere”. L’interesse della famiglia di Yara è capire se ci sono stati dei complici, mentre sulle colpe di Bossetti non sembrano avere dubbi, stando alle parole del legale. Intanto il pm Letizia Ruggeri aveva chiesto la confisca dei reperti ritrovati. La mossa del Pubblico Ministero è arrivata in seguito alla richiesta di riapertura delle indagini da parte degli avvocati di Bossetti, Salvagni e Camporini. L’istanza di confisca, però, è stata respinta. Ora tocca alle nuove indagini aggiungere eventuali nuovi elementi. Da un lato i legali di Bossetti sperano ottenere elementi che cambino la posizione del loro assistito. Dall’altro, i familiari di Yara che pensano possa esserci qualche altro responsabile del loro terribile dramma. Intanto la notizia per ora è Massimo Bossetti verso nuove indagini.

Leggi anche > Caso Yara, Bussetti: “Mi impediscono di difendermi”

Leggi anche > Omicidio Yara, la decisione della Corte Europea dei diritti umani su Bussetti