Sono in forte ascesa i numeri dei soggetti che hanno contratto l’influenza ed al momento la regione più colpita è il Friuli Venezia Giulia: settantacinque casi accertati di cui due gravi.

Influenza ottobre
(foto dal web)

Sale l’allerta influenza: stando a quanto riportato da Il Gazzettino, solo in Friuli Venezia Giulia i casi accertati sarebbero 75 di cui 2 classificati come gravi, ricoverati uno all’ospedale di Udine e l’altro a Pordenone. Secondo gli ultimi rapporti Influnet nella sola regione si sarebbero registrati 3,74 casi ogni mille assistiti ed il picco massimo di contagio è previsto per le prossime settimane.

Influenza, picco di contagio atteso nelle prossime settimane: al momento due casi gravi

In Friuli Venezia Giulia l’influenza avrebbe raggiunto numeri importanti, sarebbero, infatti, ben 75 i casi accertati di cui due classificati come gravi. Stando a quanto riportato da Il Gazzettino, dall’ultimo rapporto Influnet nella regione della Bora, l’incidenza sarebbe di 3,74 casi ogni mille assistiti: ad essere maggiormente colpiti i bambini di età compresa fra gli 0 ed i 4 anni, nonché i giovani adulti tra i 15 ed i 64 anni. Grazie alle vaccinazioni pochi casi tra gli over 65.

Il professor Pierlanfranco D’Agaro, responsabile del laboratorio di virologia dell’Istituto di igiene di Trieste, riporta Il Gazzettino, avrebbe dichiarato: “Quest’anno l’influenza è partita presto, finora abbiamo isolato 11 virus dai 75 campioni pervenuti da medici sentinella e 38 da ospedali, pronto soccorso e day hospital“. Il Dott. D’Agaro avrebbe precisato che il virus maggiormente campionato è il H3/N2, molto aggressivo ed, infatti, causativo della gravità dei due pazienti ricoverati uno all’ospedale di Udine e l’altro a quello di Pordenone. Il Gazzettino precisa che di questi uno era affetto da patologie pregresse e l’altro da patologie respiratorie: sarebbero stati dunque pazienti definibili a rischio. Il Dott. Agaro, in chiosa, avrebbe affermato: “Ancora non sappiamo quale sarà l’evoluzione dei virus, ma il picco è atteso nelle prossime settimane anche se – riporta Il Gazzettinole vacanza di Natale avranno un effetto ritardante nella fascia pediatrica. L’H3/N2 contenuto nel vaccino non è del tutto identico a quello che sta circolando” anche se al momento la scarsa registrazione di casi negli anziani pare sia proprio dettato dalla sua inoculazione negli over 65.

Influenza intestinale
(foto dal web)

Leggi anche —> Influenza 2019-2020: in Italia già colpite oltre 340mila persone