La Ferrari promette più investimenti per il Mondiale di Formula 1 2020, la Mercedes sa di dover costruire una macchina “molto più veloce”

La Mercedes di Lewis Hamilton davanti alla Ferrari di Charles Leclerc (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)
La Mercedes di Lewis Hamilton davanti alla Ferrari di Charles Leclerc (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)

Vietato sedersi sugli allori. Anche per il team che ha monopolizzato l’ennesima stagione di Formula 1, la Mercedes, quello appena cominciato sarà un inverno di intenso lavoro. Con un obiettivo chiaro: quello di costruire una vettura 2020 “molto più veloce”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Gli avversari, infatti, incalzano: non solo la Ferrari, accreditata del motore più potente in assoluto, ma anche la Red Bull. “Non è solo la Ferrari che temiamo”, ha ammesso il direttore tecnico della Freccia d’argento, James Allison, ai microfoni della rivista specializzata tedesca Auto Motor und Sport. “Anche la Red Bull è una squadra fortissima. Per noi è chiaro che tra oggi e il primo Gran Premio del 2020 dovremo rendere la nostra macchina molto più veloce per avere una chance di lottare con loro. E non sarà facile: è la sfida definitiva”.

Perfino in casa dei dominatori incontrastati del Mondiale, dunque, c’è la certezza che la lotta per vincere il prossimo campionato sarà molto più accesa. Chi è già davanti deve spingere al massimo per evitare di essere scavalcato, chi rincorre deve fare lo stesso per colmare il proprio divario.

Ferrari aumenta gli investimenti

Proprio a questo fine, la Ferrari è disposta infatti ad aumentare in modo significativo gli investimenti economici sulla squadra corse nella prossima stagione, approfittando degli incassi record di quest’anno in cui è stata lanciata la SF90 Stradale ibrida. “Siamo la stessa azienda”, ha sottolineato l’amministratore delegato Louis Camilleri, “e la vendita delle auto stradali finanzia la struttura di Mattia (Binotto, team principal della Scuderia, ndr). Siamo pronti ad investire, e fortunatamente possiamo permetterci questi investimenti, sia in termini di personale che di infrastrutture”. Come la costruzione del nuovo simulatore, che è già in corso a Maranello.

Insomma, la corsa al prossimo titolo iridato di Formula 1 è già partita. A suon di decimi di secondo in pista, di cavalli del motore, ma anche di decine di milioni di euro messi in bilancio.

Le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas in lotta con le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel alla partenza (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)
Le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas in lotta con le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel alla partenza (Foto Wolfgang Wilhelm/Mercedes)