Ylenia Carrisi | il pensiero di Al Bano “So perché non c’è più”

0
1562

Ylenia Carrisi viva o no? Che fine ha fatto la primogenita di Al Bano e Romina? Se ne parla da tanti anni, ancora oggi è un mistero senza via di risoluzione.

Ylenia Carrisi viva
Caso Ylenia Carrisi viva o no FOTO tuttomotoriweb

Sono trascorsi oltre due decenni e mezzo ma la speranza di rivedere Ylenia Carrisi viva non ha mai abbandonato Romina Power. Sia quest’ultima che gli altri suoi figli Yari, Cristel e Romina Jr. sperano di poterla rivedere un giorno. Mentre non la pensa così Al Bano, il quale si è sempre mostrato più pessimista e realista riguardo alle sorti della giovane. Che scomparve nel nulla il 31 dicembre 1993, dopo essere stata avvistata in un albergo di New Orleans assieme ad un controverso personaggio. Si tratta di Aleksander Masekela, classe 1951, che nel corso degli anni avrebbe accumulato anche dei precedenti per violenze ed abusi nei confronti di altre donne. L’uomo è ancora in vita e ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento in merito alla sparizione della figlia di Al Bano e Romina. Mentre invece è morto già da tempo Albert Cordova, il custode notturno che fornì una testimonianza ritenuta attendibile da alcuni, molto meno da altri.

Ylenia Carrisi viva, ogni volta che se ne è parlato era un nulla di fatto

Quest’ultimo riferì di avere visto una giovane bionda, che corrispondeva ai tratti di Ylenia. “Si tuffò nel Mississippi dicendo di appartenere alle acque, poi sparì. Era notte e faceva freddissimo”. Parole che Al Bano avrebbe ritenuto attendibili. Non Yari invece, che della sorella serba ancora un ricordo importante. “Le parole di Cordova fanno acqua da tutte le parti”, ha affermato di recente l’uomo al Maurizio Costanzo Show. Purtroppo rivedere Ylenia Carrisi viva è un qualcosa che difficilmente potrà accadere. Nulla si è mosso in tutto questo tempo, durante il quale ogni possibile pista è sempre sfociata in un nulla di fatto. Tra falsi avvistamenti, strambe ipotesi e versioni di mitomani, alla fine non c’è mai stato niente capace di fare emergere un minimo di verità riguardo alla sorte della ragazza. La quale sparì a 24 anni, mentre oggi ne avrebbe 49.

La controversa figura di Alexander Masekela

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I will never forget you #yleniacarrisipower #missingperson #missing

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower) in data:

Intervistata di recente da ‘Chi l’ha Visto‘, Romina Power ha affermato “La speranza non muore mai”. E ha anche postato numerose foto della figlia con tanto di appelli su Instagram. La scelta di Al Bano di presentare il certificato di morte ufficiale in tribunale nel 2013 non l’ha mai fatta recedere da questo pensiero. Entrambi però sono certi che Masekela centri qualcosa. Che questo musicista di strada abbia avuto una cattiva influenza sulla figlia, al punto da spingerla nella spirale della droga per approfittare di lei. La giovane Carrisi vedeva quest’uomo come una sorta di guru, di guida spirituale. C’è chi ha parlato della volontà della ragazza di volere sparire nel nulla, per lasciarsi la sua precedente vita alle spalle.

Al Bano nella sua biografia: “So delle cose”

Nella sua biografia ‘Questa è la mia vita’, Al Bano menzionò di contrasti e di problemi di droga di Ylenia. Cosa che lo avrebbe portato a credere in un suicidio della figlia, anche se nessun corpo venne pescato dal Mississippi nei mesi successivi alla sparizione della 24enne. Perché non sopportava il fatto di essere figlia di due celebrità, e di non sentirsi veramente libera. E l’unico modo per riuscirsi sarebbe stato quello di cambiare identità. Ma se anche fosse, una minima traccia l’avrebbe dovuta lasciare. Fosse successa in tempi più recenti, probabilmente questa vicenda avrebbe avuto un epilogo definitivo, in un senso o nell’altro. Purtroppo allo stato delle cose non resta altro da fare che continuare a sperare da una parte e rassegnarsi dall’altra. La verità non emergerà mai, anche perché se c’è qualcuno che sa qualcosa, questi sembra propenso a non svelare mai come sono andate le cose quel 31 dicembre 1993.