Un gommista modenese è stato colto in flagranza di reato mentre gettava chiodi in strada per bucare le auto in transito.

Gommista
photo Pixabay

Un gommista 48enne di Serramazzoni (Modena) è stato sorpreso in flagranza dai carabinieri ed è stato denunciato per danneggiamento mentre gettava chiodi per strada. Una dozzina i veicoli che hanno riportato forature in località Cavazzona, a Castelfranco Emilia. Secondo le indagini potrebbe non essere un caso isolato, dal momento che proprio in quella zona dall’estate scorsa esiste un problema di frequenti forature di pneumatici.

Il gommista si è giustificato dicendo che voleva colpire i clienti delle prostitute. Nella sua abitazione sono stati trovati sei chili di chiodi a croce, che venivano fabbricati dallo stesso gommista, che utilizzava una pressa nel suo laboratorio. Il 48enne sarebbe anche stato immortalato da telecamere di sorveglianza. L’uomo è stato fermato mentre era all’opera cospargendo la strada dei chiodi realizzati in modo da avere una delle 4 punte sempre rivolte verso l’alto per garantire la foratura. Che puntualmente si verificava.

Denunciato per danneggiamenti la sua posizione potrebbe aggravarsi sulla base di quanto stabilirà il magistrato che potrebbe contestare la messa a rischio dell’incolumità e la vita altrui. I Carabinieri lo hanno bloccato nel corso di un appostamento notturno, ha ammesso di averlo fatto per dispetto ai clienti delle prostitute della zona industriale ma la sua professione di gommista potrebbe fare presupporre altre intenzioni.

photo Pixabay