Il team principal Mattia Binotto vuole dare un’altra possibilità a Sebastian Vettel nel 2020. Forse sarà la sua ultima chance alla Ferrari?

Sebastian Vettel (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)

Sebastian Vettel partirà “alla pari” con Charles Leclerc nel 2020, anzi rivestirà ancora “un ruolo chiave” alla Ferrari. Questa è la promessa di Mattia Binotto, team principal del Cavallino rampante che, nonostante la stagione deludente di cui è stato protagonista il pilota tedesco, non ha rivisto al ribasso la sua valutazione su di lui.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Fa parte del nostro team da molti anni e lo conosce bene”, ha spiegato l’ingegnere italo-svizzero. “Ha molta esperienza, ha vinto quattro campionato del mondo ed è stato decisivo per lo sviluppo della macchina nel corso della passata stagione. Non c’è dubbio che un pilota del genere giochi un ruolo chiave nel nostro progetto”.

Le ragioni dei problemi di Vettel

Binotto indica degli alibi per i troppi errori commessi da Vettel nel 2019: l’“instabilità”, oltre alla presenza di “un compagno di squadra così veloce” come Charles Leclerc. “Questa situazione ha certamente dato dei mal di testa a Seb”, prosegue il boss della Scuderia. “Ma lui è stato molto analitico sui suoi miglioramenti. Nella seconda parte dell’anno, quando si è trovato più a suo agio in macchina, Seb si è portato ad un livello molto simile in gara. Charles è stato più veloce in qualifica”.

Che Leclerc abbia avuto “un chiaro impatto” sulle prestazioni del quattro volte iridato in questo Mondiale è del resto opinione anche dell’amministratore delegato della Ferrari, Louis Camilleri: “Non si può evitarlo, quando sei un campione del mondo e un ragazzo così giovane è protagonista di una stagione incredibile”, ha ammesso ai microfoni di Sky Sport.

Però la Ferrari è disposta a dare a Vettel una seconda possibilità, forse l’ultima. Senza mettere in discussione il suo valore e il suo potenziale: forse anche per non compromettere ancora di più un’atmosfera interna tra i piloti che già è ad altissima tensione.

Sebastian Vettel (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel (Foto Ferrari)