Decisiva la testimonianza di Manuela Travain che può riaprire il delitto di Garlasco e scagionare Stasi grazie ad un video

Un colpo di scena potrebbe essere decisivo nel delitto di Garlasco, avvenuto il 13 agosto del 2007. Nel delitto perse la vita la giovane Chiara Poggi, legata sentimentalmente ad Alberto Stasi, poi condannato. Secondo i giudici fu l’ex fidanzato della 26enne a togliere la vita a Chiara. Alberto Stasi potrebbe essere scagionato grazie alle dichiarazioni della testimone Manuela Travain. Secondo la testimone, infatti, la bicicletta usata dal presunto assassino era, in realtà, poggiata all’esterno della villa, le cui finestre erano chiuse. La testimonianza andrebbe in contrasto con la ricostruzione dei giudici che hanno condannato alberto Stasi in via definitiva. Le Iene sono, così, tornate sul delitto ed hanno scoperto un ulteriore elemento che potrebbe scagionare Alberto Stasi. In questo video, infatti, è presente lo stesso tipo di auto del testimone e nella medesima ora in cui sarebbe accaduto il delitto. Dal video si può anche scorgere cosa avrebbe potuto vedere Manuela Travain. Una testimonianza che rischia di aprire il caso in maniera clamorosa.

Delitto di Garlasco, provincia di Pavia
Delitto di Garlasco (Wikipedia commons)

Delitto di Garlasco: chi è Alberto Stasi, condannato per omicidio

Alberto Stasi sta scontando una pena di sedici anni per l’omicidio di Chiara Poggi, sua ex fidanzata. Stasi era legato sentimentalmente a Chiara dal 2005. Studiava economia ed era figlio unico. La sua famiglia è considerata “normale” nella percezione comune. La chiave della sua condanna è stato il ritrovamento di alcuni video pedopornografici sul suo pc. Non è bastata la difesa della madre di Chiara per scagionare Alberto che, nel frattempo, si è laureato in economia. Oggi Stasi sta scontando la sua pena nel carcere di Bollate dove viene impiegato come centralinista. Il nuovo colpo di scena potrebbe definitivamente scagionarlo. Un fatto nuovo che avrebbe del clamoroso. Tuttavia, è ancora presto per parlare di caso riaperto. Per ora esiste la nuova testimonianza rafforzata dal video pubblicato dalle Iene.

Leggi anche > Orrore in tribunale, donna confessa delitto del figlio