Infarto sintomi, in che modo individuarli e come comportarsi nel malaugurato caso in cui si manifestino dei problemi, i consigli dei cardiologi.

Infarto sintomi
Infarto sintomi come riconoscerli e cosa fare FOTO tuttomotoriweb

Relativamente ad ictus ed infarti, i sintomi sono le spie più immediate in grado di farci capire che a breve qualcosa non andrà per il verso giusto. Ed una delle cose che bisognerebbe conoscere per potere agire subito di conseguenza. I segnali che indicano il manifestarsi prossimo di un attacco di cuore sono specifici e riconoscibili. Anzitutto è bene sapere che il 20% dei casi in totale si verifica in seguito ad un notevole sforzo fisico. Ma a volte è sufficiente anche uno stress mentale od emozionale forte a fare da fattore scatenante. C’è una percentuale di uomini pari al 54% che, specialmente in età avanzata, può pagare a caro prezzo determinate azioni. Il tutto in stretta correlazione con quella che è la propria condizione fisica. Ad esempio salire le scale o correre può risultare fatale per una persona obesa. Ma i sintomi dell’infarto possono insorgere anche a riposo. Per questo è importante saperli riconoscere e ridurre qualsiasi spiacevole conseguenza al minimo. C’è un apposito studio pubblicato sulla rivista specializzata di settore ‘European Journal of Cardiovascular Nursing’. In esso si parla proprio delle ‘spie’ che tentano di avvertirci del pericolo imminente.

LEGGI ANCHE –> Infarto | 8 cibi naturali ed utili per prevenirlo

Infarto sintomi, in che modo comportarsi

Inoltre uno studio condotto dall’Università dell’Illinois di Chicago ha preso in analisi le cartelle cliniche di 474 pazienti (343 uomini e 131 donne di età compresa fra i 29 e i 93 anni) arrivati in ospedale proprio a causa di un attacco di cuore. In metà dei soggetti presi in considerazione la patologia si era presentata lentamente e non in maniera fulminante. Si parla anche di sintomi non specifici, in situazioni come questa. Una indicazione la possono dare una sensazione di leggero malessere e difficoltà respiratorie. Invece quando la crisi coronarica è improvvisa e repentina, tra i sintomi più diffusi ci sono dolore al petto ed al braccio sinistro e difficoltà respiratorie. Ma altri segni da considerare possono essere pure un improvviso mal di gola, dolori a stomaco, schiena, spalle, collo, sensazione di nausea, sudore freddo, fiato corto e debolezza. I soggetti maggiormente a rischio sono poi quelli con altre patologie preesistenti, come diabete, colesterolo alto, obesità ed ipertensione. Nel malaugurato caso in cui tutto questo si presenti ad indicare un infarto, bisogna subito chiamare un’ambulanza. Perdere tempo potrebbe risultare fatale. Al contrario, agire tempestivamente riduce il pericolo.

LEGGI ANCHE –> Il legame tra colesterolo alto e ictus e infarti: a rischio gli under 45