La tisana che cura mal di gola e tosse: bastano pochi minuti per prepararla

0
3965

La tisana allo zenzero, grazie alle proprietà di quest’ultimo, sarebbe in grado di innalzare le difese immunitarie e lenire il mal di gola: per preparala ci vogliono solo pochi minuti.

Tisana allo Zenzero
Tisana allo Zenzero

Facilissima da preparare e altamente gradevole la tisana allo zenzero si piazza in alto nella top ten della classifica degli alimenti naturali in grado di sconfiggere i mali di stagione come tosse e mal di gola. Lo zenzero, ricco di vitamine e nutrienti, combinato con altri ingredienti sarebbe un toccasana in questo gelido periodo dell’anno dove la possibilità di ammalarsi è sempre dietro l’angolo.

Leggi anche —> Non ingrassare durante il Natale: la rapida dieta da seguire prima delle feste

Tisana allo zenzero, il rimedio naturale contro tosse e mal di gola: come si prepara

Non bisogna essere dei grandi esperti ai fornelli, per preparare questa tisana bastano pochi minuti. A fornire la ricetta interviene il famoso blog di cucina Giallo Zafferano.

Partiamo dagli ingredienti:

  • 400 ml di acqua;
  • 30 g di zenzero fresco tagliato a fette sottili;
  • ½ cucchiaio di succo di limone;
  • 1 cucchiaino di miele (preferibilmente il millefiori).

La preparazione è davvero rapida, bastano solo 3 minuti.

  • Versare l’acqua in un tegame e portarla ad ebollizione;
  • Aggiungere lo zenzero e lasciare a bollire per tre minuti. Spegnere il fornello e coprire il tegame;
  • Lasciare riposare la tisana per circa un quarto d’ora;
  • Riaccendere il fornello per riscaldare la tisana che nel tempo di posa si è raffreddata e poi versarla in una tazza tramite un colino;
  • Aggiungere un cucchiaino di miele e il succo di limone.

Zenzero, le proprietà benefiche della diffusissima radice

A parlare delle innumerevoli proprietà benefiche dello zenzero, la redazione di Saperesalute.it di proprietà della Bayer, che afferma come questa sia è in grado di svolgere funzioni di antinfiammatorio, antiulcera ed antiossidante.

Lo zenzero è una pianta originaria della Cina meridionale, ma da tempo viene coltivata in quasi tutto il pianeta, ove il clima lo consente. Il suo nome deriva dal sanscrito, antica lingua indoeuropea,  che significa “radice cornuta” proprio in virtù della sua particolare forma che vede un tronco centrale con numerose ramificazioni bitorzolute.  Molte delle sue proprietà benefiche, riporta Saperesalute.it, derivano dal gingerolo, suo composto primario il quale agirebbe contro i batteri presenti nella bocca e contro le infezioni respiratorie, come raffreddore, tosse e mal di gola. Dal sapore piccante simile ad agrumi come pompelmo e limone, lo zenzero viene impiegato molto in cucina e nella medicina orientale. In occidente, invece, è diventato un must nella preparazione di cocktail, dolci e bevande.

Oltre a contenere un’ingente quantità d’acqua, la radice di origine orientale è ricca di principi nutrienti, vitamine e sali minerali come: calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro. Da ciò ne derivano le sue proprietà benefiche antiacido, antinfiammatorie ed antiossidanti.  Da secoli, infatti, soprattutto nella medicina orientale, lo zenzero è utilizzato come rimedio naturale, riporta Saperesalute.it, ma sulla sua efficacia e su eventuali disturbi che potrebbe causare all’organismo attualmente sono in corso numerosi studi. Gli effetti positivi, però ad oggi, supererebbero di gran lunga quelli nefasti: pare sia in grado di coadiuvare i processi gastrointestinali e di alleviare nausea e mal d’auto. A considerarlo un antinfiammatorio naturale è invece la medicina orientale la quale, stando a Saperesalute.it, ritiene che curi il mal di testa.  Quanto alla sua proprietà di antiossidante pare che alcuni studi avrebbero dimostrato che lo zenzero sia in grado di agire sullo stress ossidativo. Tutti questi benefici sarebbero da ricondurre ai composti fenolici che lo compongono. Tuttavia lo zenzero, se assunto in quantità eccessive ed in concomitanza con farmaci per ipertensione ed antidiabetici, potrebbe comportare l’insorgenza di alcune problematiche: eruzioni cutanee, mal di stomaco ed altre sintomatologie legate all’apparato digerente. Lo zenzero è inoltre controindicato, riporta Saperesalute.it, durante la gravidanza e l’allattamento.

È utile sapere che, diversamente dal pensare comune, lo zenzero fresco non ha una lunga conservazione: qualora se ne acquisti una quantità sovrabbondante l’unico metodo per conservarlo sarebbe congelarlo. Qualora, invece, lo si voglia riporre in frigo è consigliato avvolgerlo in un tovagliolo o in una busta di carta in modo da preservarne il sapore senza però opprimerlo. Evitare quindi pellicola o alluminio: quest’ultimo infatti, potrebbe creare una reazione atipica nell’alimento.

Lo zenzero, dunque, possiede delle proprietà che ad oggi sono oggetto di molti studi alcuni dei quali si sono impegnati nella ricerca di potenziali e comprovate capacità di cura omeopatica della radice.

Zenzero
Zenzero (foto dal web)

Leggi anche —> Mal di schiena: un rivoluzionario ed efficace rimedio