Un errore lo ha commesso, ma Hamilton è andato forte anche in MotoGP

0
2532
Lewis Hamilton e Valentino Rossi sulle Yamaha da MotoGP a Valencia (Foto Guido De Bortoli/Getty Images/Monster Energy)
Lewis Hamilton e Valentino Rossi sulle Yamaha da MotoGP a Valencia (Foto Guido De Bortoli/Getty Images/Monster Energy)

F1 e MotoGP | Un errore lo ha commesso, ma Hamilton è andato forte anche in MotoGP

Sulla presunta caduta di Lewis Hamilton mentre guidava la Yamaha di Valentino Rossi si è speculato molto, durante le 24 ore di silenzio assoluto che hanno seguito l’attesissimo scambio di mezzi avvenuto a Valencia. A riferire questa indiscrezione è stato il Corriere dello Sport, successivamente smentito da altre testate che l’hanno definita una “fake news”, specialmente dopo il messaggio pubblicato sui social network dal sei volte iridato, che rassicurava i suoi tifosi di non aver incontrato “alcun problema”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In realtà, alla fine è stato lo stesso pilota della Mercedes ad ammettere che un piccolo incidente, fortunatamente senza conseguenze sia per lui che per la moto, effettivamente lo ha compiuto nel corso della giornata di test. “Questa moto è così difficile da guidare”, ha dichiarato ai microfoni di Sky Italia. “Ho fatto una piccola scivolata, ma per il resto l’ho riportata ai box tutta intera. Ho dovuto imparare passo dopo passo, ma questo apprendimento è stato tutto in salita”.

Leggi anche —> Scambio Hamilton-Rossi, la mega FOTOGALLERY con tutte le immagini

Per Valentino Rossi, Hamilton è stato “brillante”

A rendere la vita più difficile ad Hamilton, come ha spiegato lo stesso Valentino Rossi, nel frattempo impegnato al volante della Mercedes, è stato il forte vento sul circuito di Valencia. “Tecnicamente questa è una pista molto difficile”, sono le parole del Dottore riportate da Repubblica, “ed è stata una giornata ventosa, perciò in alcuni punti non era facile per lui andare avanti. Ma lui se l’è cavata in modo brillante sulla moto e la sua posizione di guida era fantastica. Credo che si sia divertito molto, perché non si voleva fermare”.

Dunque le prestazioni dell’anglo-caraibico, anche a due ruote, si sono guadagnate una promozione da parte del suo collega. Quanto al divertimento, a confermarlo è lo stesso entusiasmo con cui ha parlato il diretto interessato: “Questa moto è un razzo, quando acceleri è incredibile”, ha proseguito Lewis. “La frenata non è la stessa di una macchina di Formula 1, ma ci sono tanti altri aspetti da considerare: la posizione del corpo, le marce, la posizione della testa. Bisogna gestire tante cose contemporaneamente. Sarò al settimo cielo per tutta la settimana dopo questo test: è stata la mia ultima settimana di lavoro, e ora potrò godermi le vacanze”.

E Valentino Rossi? Per lui non si è trattato della prima volta su una macchina di Formula 1, ma della ripresa di un’esperienza che non provava ormai da quasi un decennio, e che ha vissuto con gli stessi stimoli: “Vedere una leggenda come Valentino nell’abitacolo è stato stupendo”, conclude Hamilton. “Mi sono emozionato per lui, quando ha scoperto la vettura: mi ha ricordato la mia prima volta in Formula 1. Quando vedi tutto il team intorno a te, è tutta un’altra cosa”.

Leggi anche —> Valentino Rossi: “Mi sono sentito un pilota di F1, ecco come è andata”

Lewis Hamilton e Valentino Rossi sulle Yamaha da MotoGP a Valencia (Foto Guido De Bortoli/Getty Images/Monster Energy)
Lewis Hamilton e Valentino Rossi sulle Yamaha da MotoGP a Valencia (Foto Guido De Bortoli/Getty Images/Monster Energy)