Al Bano madre | Romina e la Lecciso non vanno al funerale

0
167
Al Bano madre
Al Bano madre la Lecciso e Romina assenti ai funerali FOTO tuttomotoriweb

Funerale Al Bano madre: tra le oltre 3mila persone accorse non c’erano Romina Power e Loredana Lecciso, che spiegano il perché.

Al Bano piange la madre Jolanda Ottino, morta lo scorso 10 dicembre a 96 anni di età. La chiesa di Cellino San Marco ha accolto tutto il paese pugliese ospitando in tantissimi provenienti anche da altre località. In tantissimi hanno voluto unirsi al cantante per fargli sentire la propria vicinanza. C’erano anche il fratello Franco, i figli di Al Bano e tutti i nipoti, per dare l’ultimo saluto alla donna. In molti però hanno notato l’assenza sia di Loredana Lecciso che di Romina Power. Le due donne con cui il 76enne interprete di tanti brani ed anche film molto apprezzati ha trascorso la maggior parte della sua vita. Si parla di oltre 3mila persone presenti ai funerali della madre di Al Bano. Hanno però spiccato queste due assenze. Ed entrambe le dirette interessate hanno fornito una spiegazione in merito.

Al Bano madre, la Lecciso spiega la sua assenza

La Lecciso avrebbe fatto sapere di non essere andata in chiesa per non attirare l’attenzione dei fotografi, come comunicato da Barbara D’Urso. “Oggi è il giorno dedicato al saluto a mamma Jolanda e Loredana non ha voluto attirare l’attenzione della stampa di gossip. Ha dato un ultimo saluto alla suocera all’interno della cappella di famiglia, dove i parenti di Al Bano hanno pregato per tutto il giorno”. Romina invece è voluta mancare per due motovi.

Lo stesso fa Romina

“Avevo programmato di passare il compleanno di mamma Jolanda insieme a lei, il 1° gennaio prossimo. Ma il suo funerale oggi no. Sono vari i motivi per cui mi trovo impossibilitata a recarmi oggi a Cellino ed unirmi alla famiglia nella solenne funzione. Una delle quali il non poter camminare”. La cantante è alle prese con un acciacco fisico. E prosegue. “Conoscendo quanto i mezzi di comunicazione siano, in altre occasioni, andati oltre i limiti del rispetto umano e fuori controllo, devo confessare che ne sono rimasta alquanto traumatizzata. E questo momento di grande dolore preferisco viverlo in privato. Ognuno vive il proprio dolore a modo suo”.