Vinales è già nel 2020: ha traslocato sul posto del primo Gran Premio

0
485
Maverick Vinales in Qatar (Foto Circuito Losail)
Maverick Vinales in Qatar (Foto Circuito Losail)

MotoGP | Vinales è già nel 2020: ha traslocato sul posto del primo Gran Premio

Non ha fatto neanche in tempo a concludere il Motomondiale 2019, che già Maverick Vinales è pronto per il prossimo campionato. Con quattro mesi di anticipo sul primo Gran Premio stagionale, infatti, il pilota della Yamaha si è già trasferito in Qatar, la nazione dove come di consueto si aprirà l’annata della MotoGP.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lo spagnolo ha deciso di lasciare la sua casa di Andorra, almeno durante i freddi mesi invernali sui Pirenei, per trasferire la sua residenza al caldo del Golfo. Qui svolgerà i suoi allenamenti, approfittando della temperatura mite ma anche delle attrezzature all’avanguardia della Qatar Motorsports Academy e del sostegno degli specialisti della Aspire Academy.

Vinales si allena in Qatar

A spiegare il motivo di questa decisione apparentemente strana è stato lui stesso, in un’intervista pubblicata sul sito ufficiale del circuito di Losail: “In questo momento per me è molto importante trovare una buona situazione per me stesso”, ha commentato Top Gun. “Credo che a questo punto io debba fare un passo in avanti, fisicamente e mentalmente. Durante il Gran Premio del Qatar, all’inizio della scorsa stagione, ho potuto visitare le strutture della Qatar Motorsports Academy e ne sono rimasto impressionato. Ho parlato con i responsabili del circuito e mi hanno aperto le porte per poterle utilizzare ogni volta che volessi. Ho pensato all’opportunità di poter salire normalmente in moto anche durante l’inverno, quando in Europa per lo più ci dobbiamo allenare al chiuso, e alla fine ho deciso di spostarmi a Doha nel periodo in cui Andorra è coperta di neve”.

Insomma, Vinales non è disposto a lasciare proprio nulla al caso, per raggiungere il suo obiettivo di vincere il Mondiale MotoGP: “Ho già organizzato tutto e mi sono potuto allenare con i coach della Academy, che devo dire sono incredibilmente bravi”, prosegue Maverick. “Ci sono anche piloti esperti che ti possono aiutare. La maggior parte di loro sono ex del Mondiale, il che significa che vanno forte, e io ho bisogno di colleghi che mi spingano. Anche se ci superiamo o ci buttiamo per terra, siamo comunque amici, non abbiamo problemi e questo è importante, perché alla fine in gara succedono le stesse cose. In allenamento le moto sono diverse, ma la competitività è la stessa e questo è il punto importante. Per me è molto positivo”. Sarà questo il salto definitivo che permetterà al catalano di raggiungere Marc Marquez nel 2020?

Maverick Vinales sulla Yamaha (Foto Yamaha)
Maverick Vinales sulla Yamaha (Foto Yamaha)