Polizia statunitense
Polizia sul luogo della sparatoria a Jersey City (Getty Images)

In una sparatoria consumatasi nel pomeriggio di ieri a Jersey City, nel New Jersey (Stati Uniti), sei persone sono morte ed almeno una è rimasta ferita.

Sei persone sono morte e almeno una è rimasta ferita in una sparatoria consumatasi a Jersey City, città del New Jersey a circa 6 chilometri da New York. Secondo una prima ricostruzione riportata dai media locali e dalla redazione de Il Corriere della Sera, i responsabili sarebbero un uomo ed una donna, avvistati in atteggiamento sospetto dalla polizia in un cimitero all’interno di un furgone. Nel corso di un controllo, i due avrebbero aperto il fuoco e successivamente si sarebbero dati alla fuga barricandosi in un negozio kosher della zona. Qui l’uomo e la donna avrebbero ingaggiato un altro conflitto a fuoco durato per ore, prima che i sospettati venissero neutralizzati dalle squadre speciali.

Leggi anche —> Terrore nel traffico, sparatoria tra rapinatori e polizia: diversi morti

Jersey City, sparatoria in pieno giorno: sei morti ed almeno un ferito

Tragico il bilancio dell’ennesima sparatoria consumatasi sul territorio degli Stati Uniti. È accaduto a Jersey City, città del New Jersey separata da New York solo dal fiume Hudson, in pieno giorno, nel pomeriggio di ieri, martedì 10 dicembre. Nella sparatoria sono morte 6 persone ed almeno una è rimasta ferita. Le vittime, come riporta la stampa locale e la redazione de Il Corriere della Sera sono i due sospettati, un uomo ed una donna di giovane età, un agente di polizia e tre clienti di un negozio kosher all’interno del quale i responsabili si erano asserragliati. Secondo una prima ricostruzione, riferita dai media locali e da Il Corriere della Sera, tuto sarebbe partito da un cimitero, dove i due sospettati erano stati notati in un furgone U-Haul, azienda specializzata in traslochi. Quando la polizia si era avvicinata per un controllo, i due giovani avrebbero aperto il fuoco e si sarebbero dati alla fuga barricandosi successivamente in un negozio kosher. Qui, i due avrebbero ingaggiato un ulteriore conflitto a fuoco con le forze dell’ordine sparando all’impazzata dalle finestre, sparatoria andata avanti per ore prima che le squadre speciali neutralizzassero i responsabili. Adesso le forze dell’ordine statunitensi stanno cercando di ricostruire l’accaduto e risalire al movente della strage, che secondo il sindaco della città, come riporta Il Corriere, sarebbe di matrice antisemita. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sul proprio profilo Twitter ha scritto commentando l’accaduto: “Sono stato appena informato sull’orribile sparatoria avvenuta a Jersey City, New Jersey. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per le vittime e le loro famiglie durante questo periodo molto difficile e tragico. Continueremo a monitorare la situazione mentre assistiamo i funzionari locali e statali sul campo“.

Leggi anche —> Strage in ospedale, uomo apre il fuoco sui presenti: diversi morti e feriti

Polizia statunitense
Squadre speciali della polizia sul luogo della sparatoria a Jersey City (Getty Images)