Superbike 2020, Yamaha all’assalto del titolo con la nuova R1

Toprak Razgatlioglu Phil Marron
Toprak Razgatlioglu e Phil Marron (foto Yamaha Racing)

Nel 2020 la Yamaha vuole puntare al titolo mondiale Superbike, dopo la buona crescita delle ultime stagioni. È venuto il momento di ambire al massimo nella categoria, dove la casa di Iwata non trionfa dal 2009 quando a imporsi fu Ben Spies.

Per provare a vincere è stato ingaggiato un giovane talento come Toprak Razgatlioglu, autentica rivelazione dell’ultimo anno e pronto per affermarsi definitivamente come un top rider del WorldSBK. Al suo fianco confermato Michael van der Mark, che non vorrà farsi battere dal nuovo compagno e che proverà a fare un salto di qualità.

Superbike, Andrea Dosoli e gli obiettivi Yamaha

Yamaha per dare l’assalto al titolo Superbike schiererà una nuova YZF-R1, che rispetto alla versione precedente dovrebbe garantire migliori performance in pista. Sono presenti  novità interessanti di motore, aerodinamica e ciclistica per fare lo step necessario a lottare per vincere.

Andrea Dosoli, che ricopre la carica di Yamaha Motor Europe Road Racing Manager, a Speedweek ha così parlato della nuova moto: «Possiede innovazioni che a prima vista non si notano. Il motore è diverso e speriamo che ci permetta migliori prestazioni durante la stagione. La nuova carenatura è più efficiente a livello aerodinamico. Riteniamo ci sia il potenziale per migliorare le nostre performance. Siamo contenti di essere già allo stesso livello con la nuova moto».

Il manager italiano ha spiegato che non tutte le squadre disporranno dell’ultima versione della YZF-R1: «Il team factory inizierà il campionato con la nuova moto, mentre GRT utilizzerà quella precedente e poi durante la stagione valuteremo. Anche Ten Kate usufruirà dell’ultimo modello. Sarebbe bello se tutti i piloti potessero guidarla, ma tutto dipende dai budget».

La squadra GRT sarà junior team Yamaha e userà la vecchia R1, motivo per il quale Sandro Cortese ha deciso di non rimanere e ha così aperto le porte all’arrivo dell’americano Garrett Gerloff al fianco di Federico Caricasulo.

Nell’ultimo test WorldSBK a Jerez solamente il collaudatore Niccolò Canepa disponeva della R1 2020. Razgatlioglu e van der Mark hanno guidato una versione ibrida che era un mix tra la 2019 e alcune novità della 2020.

toprak razgatlioglu superbike
Toprak Razgatlioglu subito a proprio agio nel team Pata Yamaha WorldSBK e in sella alla R1