Ambulanza e carabinieri
Ambulanza e carabinieri (foto dal web)

Ad Orbassano (Torino) durante la scorsa notte, una donna di 85 anni ha ucciso la figlia disabile e poi ha tentato il suicidio assumendo alcuni farmaci. A scoprire la terribile tragedia il marito della donna anziana e padre della vittima.

Un terrificante omicidio si è consumato ad Orbassano, città della provincia di Torino, durante la scorsa notte, tra sabato 7 e domenica 8 dicembre. Secondo una primissima ricostruzione dei fatti riportata dalla redazione del quotidiano La Repubblica, una donna di 85 anni avrebbe ucciso a martellate la figlia disabile 42enne e successivamente si sarebbe avvelenata, assumendo alcuni farmaci, nel tentativo di togliersi la vita. Ad allarmare i soccorsi e le forze dell’ordine, il marito dell’anziana donna che al risveglio si è ritrovato difronte ad un’agghiacciante scena. L’uomo in queste ore si trova in caserma per essere sentito dai carabinieri e cercare di ricostruire quanto accaduto.

Tragedia ad Orbassano: donna anziana uccide la figlia disabile a martellate e tenta il suicidio

Ha ucciso a martellate la figlia disabile e poi ha tentato il suicidio. Questo è quanto sarebbe accaduto in un appartamento di Orbassano, comune dell’hinterland di Torino, durante la scorsa notte, tra sabato 7 e domenica 8 dicembre. Secondo una primissima ricostruzione dei fatti riportata dalla stampa locale e da La Repubblica, Maria Capello, anziana donna di 85 anni, avrebbe ucciso a martellate la figlia disabile 42enne, Silvia Ronco, e successivamente si sarebbe avvelenata assumendo dei farmaci. A scoprire quanto fosse accaduto è stato stamane il marito della 85enne, Clemente Ronco di 87 anni, che dormiva in un’altra stanza. L’uomo ha immediatamente avvertito i soccorsi e le forze dell’ordine che sono tempestivamente sopraggiunti sul posto. Per la 42enne non c’è stato più nulla da fare e ne è stato constatato il decesso, mentre la donna anziana è stata trasportata d’urgenza all’ospedale San Luigi di Orbassano, dove ora si trova ricoverata in gravi condizioni. I carabinieri del nucleo investigativo, giunti sul luogo della tragedia, come riporta Repubblica, hanno rinvenuto il martello sul comodino della camera da letto. L’uomo di 87 anni è stato ritrovato in lacrime dai soccorritori e dai militari dell’Arma ed ora si trova in caserma per cercare di ricostruire quanto sia successo nell’appartamento. Silvia Ronco era affetta da una grave disabilità dalla nascita ed era ospite durante la settimana di una comunità, ma durante il weekend rientrava in casa dai genitori anziani.

Leggi anche —> Incendio in un mercato in pieno centro: è strage – FOTO

Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)