Il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, con Jorge Lorenzo (Foto Ducati)
Il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall’Igna, con Jorge Lorenzo (Foto Ducati)

MotoGP, Gigi Dall’Igna confessa: “Con Lorenzo abbiamo sbagliato”

Gigi Dall’Igna è stato uno dei più colpiti dall’addio di Jorge Lorenzo alla MotoGP. Al termine della sua ultima gara in carriera, l maiorchino, quando ha visto l’ingegnere della Ducati, si è fermato in corsia dei box per un abbraccio finale e sincero con uno dei suoi mentori. Dall’Igna condivide grandi ricordi con il pilota spagnolo. “Lo conosco dall’inizio della sua carriera. È un pilota molto importante per me. Abbiamo vinto due titoli mondiali nella 250cc”, afferma a motogp.com.

Il guru tecnico ducatista ammette che la sua squadra non avrebbe dovuto lasciare che Jorge Lorenzo andasse via alla fine del 2018. “A volte devi prendere una decisione prima di avere tutti i dati necessari. E, a volte, la decisione si può rivelare sbagliata, ma non non ci possiamo fare nulla”. Prima della vittoria al Mugello aveva già firmato per la Repsol Honda. Va ricordato che non è stato Dall’Igna o il resto della squadra corse a prendere questa decisione, ma l’amministratore delegato, Claudio Domenicali, sostenuto da diversi manager, tra cui quelli di Audi, proprietari di Ducati.

Gigi Dall’Igna riconosce che sarà difficile per lui non vedere più Jorge Lorenzo nel paddock all’inizio del prossimo campionato. “Il giorno del suo addio non è stato certo il più bello della mia vita. Ci ha regalato molte grandi emozioni durante la sua carriera e ci mancherà”, dice. Tuttavia, il manager italiano esclude che il maiorchino possa dimenticare il suo ritiro e tornare all’azione. “Tornare alla Ducati? Non credo che accadrà. Dopo i suoi gravi incidenti ha perso la motivazione e non credo che abbia cambiato idea”.

Lo stesso Gigi ha fatto un ultimo tentativo di ripescarlo l’estate scorsa quando ha cercato un modo per inserirlo nella Pramac Ducati, anche a spese di Jack Miller, ma l’operazione non ha dato i suoi frutti. Dall’Igna lo vedeva ancora come un’opzione per il futuro, ma, nel corso dei mesi, ha capito che l’affare era ormai impossibile.

Jorge Lorenzo in pista (Getty Images)