Chase Carey, Bernie Ecclestone, Christian Horner (Getty Images)

F1 | “Nessuno si ricorderà di me”. Il timore di un big del Circus

Un po’ invecchiato e ormai dotato dell’inseparabile pizzetto Bernie Ecclestone ha fatto la sua comparsa nel paddock di Abu Dhabi accompagnato dalla moglie Fabiana Flosi.

Chiamato a fare una riflessione sulla sua lunga carriera in F1, guardando al futuro il Supremo si è dimostrato tutt’altro che entusiasta.

Scomparirò e in pochi mesi verrò dimenticato come succede per gran parte delle persone. Nessuno si ricorderà di me. Il mondo va avanti. Arrivano nuove persone,e accadono cose. Oggi tutto si muove più velocemente rispetto ad una ventina di anni fa“, la triste constatazione dell’89enne al podcast Beyond the Grid. “E’ molto facile per la gente virare verso le novità”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Quindi parlando del proprio impatto nella società britannica e non solo Mr. E. ha rivelato di aver rinunciato alla nomina di Cavalier da parte della Regina Elisabetta II. “Non sono d’accordo con questo genere di riconoscimenti. Mi era stata data l’opportunità tempo fa, ma declinai. Personalmente non credo di aver fatto nulla che meriti un particolare omaggio, anche perché non è servito per il bene del Paese e comunque non era mia intenzione”.

Diversamente, secondo l’ex boss del Circus, Lewis Hamilton, avrebbe tutte le carte in regola per diventare Sir.

Di certo ha fatto un lavoro egregio per la Gran Bretagna“, ha argomentato zio Bernie. “Come me, però, non lo ha fatto di proposito, Soltanto ha svolto bene ciò che era interessato a fare”,

“In giro ci sono persone che in molte occasioni hanno provato a far progredire la nazione, e tuttavia non ne hanno ricevuto una ricompensa finanziaria. Il tutto si è risolto con una consapevolezza morale di aver compiuto qualcosa di positivo“, la chiosa di un discorso che potrebbe valere perfettamente per i ricercatori italiani…

Bernie Ecclestone (©Getty Images)

 

Chiara Rainis