MotoGP, Rivola: “Non abbiamo visto tutto il potenziale di Iannone”

Massimo Rivola Davide Brivio
Massimo Rivola e Davide Brivio (©Getty Images)

Per Aprilia il campionato MotoGP 2019 è stato sicuramente negativo. I risultati parlano in modo chiaro. Non ci sono stati i piazzamenti che la casa di Noale immaginava di conquistare.

Aleix Espargarò e Andrea Iannone non hanno avuto a disposizione una moto competitiva, pertanto hanno ottenuto poco. Lo spagnolo, che conosceva meglio la RS-GP, è comunque riuscito a fare meglio del nuovo compagno di squadra. Per il 2020 è attesa una rivoluzione con un nuovissimo prototipo che dovrebbe rappresentare un salto di qualità importante rispetto all’ultimo.

MotoGP, Rivola sul futuro di Espargarò e Iannone

Il prossimo sarà un anno molto importante per Aprilia e per i suoi piloti. Anche perché i contratti sono in scadenza a dunque bisognerà vedere le scelte che verranno effettuate per il biennio 2021-2022.

Massimo Rivola, amministratore delegato di Aprilia Racing, a motorsport-total.com ha spiegato che non sta parlando con altri rider: «No, però posso immaginare loro che stiano parlando con altri. Fossi il manager di un pilota, cercherei di trovare la moto migliore o di migliorare il contratto attuale».

Presto per parlare di mercato dalle parti di Noale. La concentrazione è sugli aspetti tecnici e sportivi, nel prossimo campionato MotoGP le aspettative saranno elevate. Rivola ha commentato così: «Sarei contento se vedessimo buon potenziale nella nuova moto. Non mi infastidirebbe avere qualche problema nei primi mesi, purché poi si cresca e le prestazioni migliorino. Sarei felice se entrambi i piloti riuscissero a stare in top 10, questo deve essere l’obiettivo. Il podio sarebbe bellissimo, però è troppo presto per pensarci».

L’ex dirigente Ferrari a proposito di Espargarò e Iannone ha aggiunto: «Sono soddisfatto di loro. Sono completamente diversi. Aleix è un super atleta, ha buone prestazioni e conosce bene la moto. È molto importante per noi. Andrea ha molto talento, però deve ancora capire al 100% la moto. Ha alti e bassi, ma quando va bene va molto bene. Credo che non abbiamo visto tutto il suo potenziale ancora».

Andrea Iannone in sella alla sua Aprilia nei test MotoGP di Valencia (Foto Aprilia)
Andrea Iannone in sella alla sua Aprilia nei test MotoGP di Valencia (Foto Aprilia)