Tragico epilogo per Marta, scomparsa da un mese in Spagna
Marta Calvo (foto Leggo)

Tragico epilogo per Marta, scomparsa da un mese in Spagna. Il suo caso ha lasciato senza parole sia il nostro paese sia la Spagna. La ragazza, infatti, attendeva un uomo ma è scomparsa nel nulla dal centro di Manuele, piccolo centro nei pressi di Valencia.

Marta Calvo, 25 anni, aveva avuto gli ultimi contatti con la famiglia il 7 novembre quando aveva inviato un messaggio WhatsApp alla madre che, due giorni dopo, non riuscendo più a mettersi in contatto con lei, ne ha denunciato la scomparsa.

Grazie alla geolocalizzazione del telefono della ragazza, le indagini si erano ristrette fin da subito intorno ad una persona: Jorge Ignacio T. J., 38enne colombiano, pregiudicato per traffico di cocaina.

Secondo la versione data dall’indagato in presenza del suo avvocato, Marta sarebbe morta accidentalmente dopo una notte di sesso e droga. Per questa ragione e per non farsi scoprire Jorge si sarebbe liberato del cadavere e sarebbe scappato cancellando le sue tracce.

La morte sarebbe quindi avvenuta in modo accidentale, alla fine di una serata di droga e sesso.

Leggi anche —->Omicidio Luca Sacchi | Anastasiya: Non sapevo di avere 70mila euro

Il tragico epilogo: Marta è stata fatta a pezzi

Non solo. Pare che il corpo di Marta sia stato tagliato a pezzi e gettato in diversi cassonetti.

In base a quanto ha riporta El Pais, i resti potrebbero essere ancora tra la spazzatura da smaltire e sarebbe forse possibile recuperarli.

Le autorità locali hanno per questa ragione deciso di interrompere il trattamento dei rifiuti nell’impianto di Guadassuar, vicino al luogo della scomparsa di Marta Calvo.

Gli inquirenti hanno dichiarato che si tratta di un atto dovuto, «meramente amministrativo», e che le indagini continuano a seguire varie piste, nonostante la confessione del 38enne.

Inoltre, secondo la Polizia iberica, diversamente da quanto dichiarato da Jorge Ignacio: “L’ipotesi che è sempre stata considerata è che la ragazza abbia subito una violenta aggressione che forse gli ha fatto perdere la vita”.

Tragico epilogo per Marta, scomparsa da un mese in Spagna
Mano (foto Pixabay)