Sente rumore all’esterno della villa e spara: tragedia in mattinata

0
119
Ambulanza e carabinieri
Ambulanza e carabinieri (foto dal web)

Un custode di una villa di Bazzano (Bologna) sentendo dei rumori all’esterno del casolare ha sparato alcuni colpi di pistola uccidendo un uomo, probabilmente un ragazzo tra i 20 ed i 25 anni.

Nelle prime ore di stamane, giovedì 5 dicembre, in un casolare di Bazzano, frazione di Valsamoggia, in provincia di Bologna, è stato ucciso un uomo a colpi di pistola. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto riportata dalla stampa locale e dalla redazione de Il Resto del Carlino, ad esplodere i colpi sarebbe stato un uomo di 68 anni, custode insieme alla moglie del casolare appartenente ad una famiglia fiorentina, che sentendo dei rumori all’esterno della villa avrebbe sparato con una revolver calibro 38 regolarmente detenuta. Sul posto, allertati dalla moglie del 68enne, sono arrivati i carabinieri che hanno rinvenuto il cadavere, di cui non è ancora stata accertata l’identità, e stanno indagando per ricostruire la vicenda.

Leggi anche —> Pacco bomba indirizzato al Ministero dell’Interno: “Poteva uccidere”

Bazzano, spara colpi dalla villa per far fuggire i ladri e uccide un uomo: indagano i carabinieri

Un uomo di 68 anni stamane a Bazzano, in provincia di Bologna, ha ucciso un uomo sparando dei colpi d’arma da fuoco da alcune finestre. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, riportata da Il Resto del Carlino, il 68enne, custode di una villa appartenente ad una famiglia che risiede fuori città, sentendo dei rumori all’esterno del casolare ha impugnato una revolver calibro 38 regolarmente detenuta esplodendo 5 colpi. Uno di questi avrebbe raggiunto un giovane ragazzo, non ancora identificato tra i 20 ed i 25 anni, uccidendolo. Sul posto avvertiti dalla moglie del custode sono arrivati i carabinieri del nucleo Radiomobile della Compagnia Bologna Borgo Panigale, insieme ai carabinieri di Bazzano e del Nucleo investigativo ed i sanitari del 118 che hanno potuto solo constatare il decesso del ragazzo. I carabinieri che hanno svolto i rilievi del caso, riporta Il Resto del Carlino, hanno rinvenuto al fianco del cadavere una torcia e poco più distanti alcuni attrezzi che con molta probabilità erano stati rubati dal casolare. Il 68enne ha raccontato ai militari dell’Arma di aver impugnato la pistola e sparato in aria solo per spaventare gli uomini che si trovavano all’esterno della villa. Attualmente, come scrive Il Resto del Carlino, non è stata emessa alcuna misura nei confronti dell’uomo che verrà sentito nel pomeriggio insieme alla moglie.

Leggi anche —> Cadavere abbandonato su una panchina: l’identificazione risolve due casi

Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)