Anziani
(Getty Images)

Anche quest’anno l’associazione Un sorriso in più Onlus ha lanciato l’iniziativa “Nipoti di Babbo Natale”, finalizzata a realizzare i desideri degli anziani ospiti delle case di riposo.

Si avvicinano le vacanze di Natale, uno dei periodi più attesi dell’anno. Se c’è già chi ha pensato ai preparativi per cene, regali e addobbi, c’è chi al contrario in questo periodo soffrirà maggiormente la solitudine e in molti casi anche la povertà. Tra questi sicuramente gli anziani che vivono ormai da tempo nelle case di riposo e che non potranno trascorre il Natale in famiglia. A loro, però, ha pensato l’associazione Un sorriso in più Onlus con l’iniziativa “Nipoti di Babbo Natale“, finalizzata a raccogliere e realizzare i desideri degli anziani ospiti delle case di riposo su tutto il territorio nazionale.

Nipoti di Babbo Natale, l’iniziativa per regalare un sorriso agli anziani: già effettuate oltre mille donazioni

Un pensiero per regalare un sorriso a Natale ad un anziano che dovrà trascorrere le feste natalizie lontano dalla famiglia, perché ospite di una casa di riposo. Questa è la nobile finalità dell’iniziativa “Nipoti di Babbo Natale“, lanciata dall’associazione Un sorriso in più Onlus partita dalla provincia di Como e che punta a raggiungere gli anziani di tutta Italia. Questo toccante progetto è stata pubblicato sul sito nipotidibabbonatale.it, dove sono stati raccolti i desideri espressi dagli anziani che vivono nelle case di riposo. Per contribuire alla loro realizzazione, chiunque volesse potrà fare una piccola donazione, collegandosi sul sito, “prenotando” un desiderio. Si può scegliere per regione, fascia di prezzo e successivamente, dopo aver individuato il destinatario del regalo, compilare un modulo inserendo i dati personali ed, infine, accordarsi sulla consegna del regalo. Il dono può essere spedito o addirittura consegnato a mano, così da rendere più emozionate il gesto per chi lo riceve. Ad oggi sono stati realizzate ben oltre mille richieste tra le più svariate: come quelle di Gilberta che ha chiesto un paio di scarpe più comode o quello di Domenico (95 anni) che ha chiesto una semplice camicia di flanella. E ancora quella di Giuliano che ha chiesto solo delle riviste di enigmistica per poter passare il tempo e tuffarsi tra le parole crociate. C’è anche quella di Oronzio che chiede un abbonamento ad un quotidiano pugliese per sfogliare le pagine e tenersi aggiornato. Un abbonamento lo ha chiesto anche Leonida (105 anni), non ad un quotidiano, ma a Topolino. Altra richiesta commovente ed esaudita da un “Nipote di Babbo Natale” è quella di Franco di 86 anni che è stata raccontata anche sulla pagina Facebook dell’iniziativa: “Mia moglie ogni domenica mi preparava le lasagne, era il piatto delle feste. Se ci penso ancora sento il profumo e le sue urla perché appena le toglieva dal forno subito dovevo assaggiarle e oltre a scottarmi mi sgridava perché lei ci teneva a presentarle in tavola come si deve ma era più forte di me! Qui ogni tanto le lasagne le fanno ma non sono mai ricche come le preparava la mia cara moglie. Sarebbe bello poter andare in un ristorante per poterle mangiare ancora! Oggi Serena ha realizzato il suo sogno! Grazie Serena e grazie RSA ISenior!”

Sono richieste che toccano il cuore e commuovono; con pochi euro si potrà rendere felice una persona anziana anche senza conoscerla e che rimarrà sola durante il periodo di Natale. Un gesto nobile che rispecchia perfettamente lo spirito del Natale: condivisione, armonia e altruismo.

Anziano
(foto dal web)

Leggi anche —> Meteo Natale e Capodanno: che tempo farà durante le vacanze