Yamaha M1 (Getty Images)
Yamaha M1 (Getty Images)

MotoGP 2019 | Zarco sfila un brutto primato a Marquez

La stagione 2019 è stata sicuramente positiva per la MotoGP non solo dal punto di vista degli spettatori sugli spalti, ma anche per quanto riguarda le scivolate. Con appena 220 incidenti, infatti, questa annata è stata la migliore degli ultimi 4 anni per quanto concerne il numero di cadute.

Il dato indubbiamente è veicolato da una crescita da parte di Michelin. Dal suo arrivo nel 2016, infatti, le cadute in MotoGP erano aumentate a dismisura, ma in questa annata, grazie al grande lavoro sui pneumatici che ha portato ad un aumento di grip questo stesso dato è tornato a decrescere.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dovizioso il migliore

A dare una mano ai piloti però ci ha pensato sicuramente anche l’elettronica, arrivata ad un buon livello anche in Moto2. Infatti, se confrontiamo il dato di tutte e tre le categorie ci ritroviamo con 971 incidenti. Una quota così bassa non si registrava dal 2013, quando nel complesso, di scivolate ce ne furono appena 894.

In MotoGP la maglia di pilota con più incidenti va a Zarco che sfila questo primato a Marquez, che negli ultimi anni era stato sempre tra i rider più “scivolosi”. Il francese è caduto 17 volte contro le 14 dello spagnolo che si piazza al 4° posto appaiato con Bagnaia. Bene, invece, Dovizioso, il miglior in MotoGP con appena 4 incidenti. Da applausi il dato Yamaha che piazza Vinales e Quartararo a quota 6 e Rossi e Morbidelli ad 8. In tutto il Motomondiale, invece, il peggiore risulta essere Tom Booth-Amos che è caduto 22 volte in Moto3.

Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)