Cadavere abbandonato su una panchina: l’identificazione risolve due casi

0
302
Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

Il mistero sull’identità del cadavere abbandonato su una panchina del Regio Parco di Torino pare sia stato risolto: il corpo apparterrebbe a Salvatore Casu, 77 anni, ricercato dalla polizia.

Sembrerebbe risolto il giallo sull’identità del cadavere lasciato su di una panchina del Regio Parco di Torino lo scorso martedì 3 dicembre. Si tratterebbe di Salvatore Casu, 77 anni, già noto alle forze dell’ordine e attualmente ricercato poiché avrebbe dovuto scontare, riporta Torino Today, una condanna ad un anno e mezzo di carcere per rapina.

Cadavere abbandonato su una panchina: l’uomo era ricercato dalla polizia

Sarebbe del latitante Salvatore Casu, 77 anni, il corpo rinvenuto lo scorso martedì 3 dicembre su una panchina del Regio Parco di Torino all’altezza di via Cilea numero 1. L’allarme venne lanciato, riporta la redazione di Torino Today, da una donna che avrebbe assistito agli attimi in cui il corpo è stato abbandonato.

Salvatore Casu, residente a Baldissero Canavese e noto alle forze dell’ordine a causa di piccoli precedenti per furti e rapine, sarebbe stato lasciato già privo di vita sulla panchina del Regio Parco da un uomo ed una donna. Il medico legale intervenuto sui luoghi avrebbe stabilito, infatti, che il decesso di Casu sia avvenuto per cause naturali: nello specifico, l’uomo, sarebbe stato colpito da un edema polmonare che ne avrebbe causato la morte poco prima dell’abbandono. L’ipotesi investigativa più accreditata, riporta Torino Today, è che essendo l’uomo latitante e ricercato dalle forze dell’ordine poiché avrebbe dovuto scontare una condanna ad un anno e mezzo di carcere per rapina, si sarebbe rifugiato a casa di alcuni conoscenti. È lì che avvertito il malore non sarebbe stato trasportato d’urgenza in ospedale, per timore dei suoi ospiti di essere denunciati per favoreggiamento.  È verosimile, riporta Torino Today, che la coppia vista abbandonare il cadavere lo abbia fatto per cancellare le prove del loro coinvolgimento.

La salma di Salvatore Casu è stata trasferita all’obitorio del cimitero Parco in via Agostino Bertani. Le forze dell’ordine coordinate dal Pm Ciro Santoriello stanno portando avanti le indagini a carico di ignoti per abbandono di cadavere.

Leggi anche —> Sparatoria all’interno di una base militare: tre morti

Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)