Wolff: “Possibile un ritorno bis di Kubica in F1”

0
272
Robert Kubica (©Getty Images)

F1 | Wolff: “Possibile un ritorno bis di Kubica nel Circus”

Con ogni probabilità, come ha lasciato intendere Gunther Steiner, il 2020 di Robert Kubica in F1 sarà ridotto al ruolo di collaudatore della sua Haas, eppure secondo il boss della Mercedes Toto Wolff il quasi 35enne potrebbe rientrare nelle vesti di titolare già nella stagione successiva.

Non si può mai sapere con lui. Potrebbe benissimo lasciare e poi rientrare. E’ un ragazzo piuttosto intelligente“, la previsione del manager austriaco alla tv polacca TVP. “Per quanto mi riguarda sono stato molto felice di vederlo di nuovo in griglia. Ha provato ai detrattori di sapere guidare e combattere anche con un handicap del genere”.

Se non avesse fatto quell’incidente sarebbe diventato campione del mondo. Chissà, magari, con le sue conoscenze lo diventerà in un’altra veste“, ha quindi ipotizzato per il driver di Cracovia un percorso simile al suo.

Interrogato proprio sulle chance di un suo rientro bis nella massima serie a ruote scoperte, il vincitore del GP del Canada 2008 è rimasto sul vago ma altrettanto speranzoso.

Realisticamente Abu Dhabi potrebbe essere stata la mia ultima gara, tuttavia mai dire mai“, ha sostenuto a Motorsport.com. “Non è qualcosa che dipende da me. Potrebbe esserci una possibilità come potrebbe non esserci. Negli ultimi 10 anni ho imparato una grande lezione, ovvero che quando pensi che tutto sia sotto controllo è il momento che avviene un cambiamento drastico”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Infine Kubica non è riuscito a trattenersi dal tirare una frecciata alla Williams che, nel 2018 gli aveva dato l’opportunità di fare il tester e nel mondiale appena concluso lo ha promosso nella line-up ufficiale.

E’ stato più complicato affrontare una stagione come questa che restare a guardare le corse in televisione. Dal punto di vista dei risultati indubbiamente è stata deludente, ma se si valuta con attenzione quanto accaduto da Melbourne, non è andata così male“.

 

Chiara Rainis