MotoGP 2020: nuove regole su test e wildcard

0
97
getty images

MotoGP 2020: nuove regole su test e wildcard

Dalla stagione 2020 entrano in vigore delle modifiche relative ai test, alla partecipazione delle wildcard e alla discesa in pista in caso di pioggia. La Grand Prix Commission, composta si è riunita il 27 novembre a Madrid per deliberare alcune decisioni in materia di regolamento.

Tra le principali novità non ci saranno test privati per la categoria MotoGP (saranno autorizzati solo per i costruttori che dispongono delle concessioni). Le squadre possono sostituire i piloti sotto contratto per una parte o per tutto il test, affrontando lo stesso numero di giorni dedicati ai test e dimostrando che il sostituto prenda il posto del pilota contrattato. Non verrà permesso ad entrambi i piloti di scendere in pista nella stessa occasione.

In Moto2 e Moto3 qualsiasi pilota sostituito verrà considerato come il pilota originale per quanto riguarda il conteggio dei giorni dedicati ai test, per questo, i giorni di test verranno attribuiti tanto al pilota come alla squadra. Ciò significa che una squadra non potrà avere ulteriori giorni di test perché ha cambiato un pilota e, d’altro canto, un pilota non potrà avere ulteriori giorni di test per aver cambiato squadra.

Novità anche per le wildcard. Finora infatti non era possibile schierare questi piloti per eventi consecutivi. La Commissione ha deciso che questa regola dev’essere rimossa per le squadre che beneficiano di concessioni. A queste case verranno concesse un massimo di sei wildcard e le iscrizioni per eventi che non siano consecutivi così, nel caso in cui i piloti della casa si infortunano o sono impegnati in altre competizioni come la MotoE™, possono essere sostituiti.

getty images