Il team principal della Mercedes, Toto Wolff (Foto Steve Etherington/Mercedes)
Il team principal della Mercedes, Toto Wolff (Foto Steve Etherington/Mercedes)

F1 | Non solo Hamilton: anche Toto Wolff potrebbe passare alla Ferrari

Le voci del possibile passaggio di Lewis Hamilton alla Ferrari dalla stagione 2021 sono il tema caldo di questi giorni nel paddock della Formula 1. Ma tra le indiscrezioni più o meno incontrollate che sono circolate tra gli addetti ai lavori ce n’è anche una, se possibile, ancor più clamorosa, secondo la quale nella sua nuova eventuale avventura in rosso il sei volte campione del mondo potrebbe portarsi dietro anche il suo fido team principal Toto Wolff.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Si ricostituirebbe dunque a Maranello l’accoppiata vincente di questi ultimi anni alla Mercedes, un po’ come fece Michael Schumacher quando arrivò in Ferrari dalla Benetton, seguito dal direttore tecnico Ross Brawn e dal capo progettista Rory Byrne. Del futuro dell’attuale boss delle Frecce d’argento, del resto, si parla già da qualche tempo: c’è anche chi prospetta, in modo forse più credibile, che Wolff sia invece destinato a raccogliere il testimone da Chase Carey nel ruolo di amministratore delegato di Liberty Media, la società americana che organizza il lato commerciale della F1.

Wolff alla Ferrari no, Hamilton forse

Per quanto affascinante possa essere questo rumour, tuttavia, il diretto interessato si è affrettato a smentire categoricamente: “La Ferrari è un marchio grandioso, ma quello che ho fatto con la Mercedes è unico”, ha dichiarato Wolff ai microfoni della rivista specializzata tedesca Auto Motor und Sport. “Mi hanno dato la fiducia di comprare una quota azionaria del team, in modo da poter essere qui come imprenditore. E per questo motivo si sono formate delle relazioni che semplicemente non posso lasciarmi alle spalle”.

Per quanto riguarda Hamilton, invece, la storia potrebbe essere diversa: “Un pilota del suo livello può ribaltare gli equilibri tra i team”, sostiene il manager austriaco. “Non sottovaluterei questo fattore. Al momento l’approccio razionale è continuare insieme, ma forse questa nuova sfida alla fine lo attirerà”. Ma Wolff è anche convinto che, se l’anglo-caraibico passasse alla Ferrari, la Mercedes riuscirebbe a reagire: “Per ora è chiaro che Lewis è uno dei pilastri del team. Ma mi sembra che, se saremo in grado di continuare a costruire macchine veloci, avremo l’opportunità di decidere noi chi le guiderà”.

Ma la Mercedes resta in F1

Toto, in compenso, getta acqua sul fuoco delle voci secondo cui il nuovo presidente del gruppo Daimler, Ola Kallenius, abbia intenzione di ritirare la Mercedes dalla Formula 1 a partire dal 2021: “Crediamo che la Formula 1 e l’automobilismo facciano parte del Dna del nostro marchio”, ha concluso Wolff. “La primissima Mercedes era una macchina da corsa. Dobbiamo migliorare l’efficienza del nostro lavoro, assicurandoci una buona prestazione economica e riducendo il livello di investimento della Daimler in questo progetto. Se ci riusciremo, rimarremo in Formula 1 per molti anni”. Con o senza Hamilton. E Wolff.

Lewis Hamilton con Toto Wolff (Foto Paul Ripke/Mercedes)
Lewis Hamilton con Toto Wolff (Foto Paul Ripke/Mercedes)