Professoressa stupra studente
Professoressa stupra studente FOTO tuttomotoriweb

Una professoressa stupra studente ed alle autorità accampa una scusa davvero surreale. “L’ho fatto perché volevo curarlo”. Enorme la differenza di età.

Una professoressa stupra studente di parecchi anni più giovane di lei. Avviene in Texas, negli Stati Uniti, dove la 51enne Tedria Fluellen ha ricevuto delle gravissime accuse per quanto fatto nei confronti di un suo alunno di appena 16 anni. E le violenze carnali sarebbero andate avanti per oltre dodici mesi. Lei avrebbe approfittato dell’adolescente con la scusa di volerlo ‘curare’ da quella sua inclinazione nei confronti di altri maschi. Questa è stata la giustificazione fornita alle autorità per cercare di rendere meno gravi le proprie colpe. La Fuellen lavorava come assistente insegnante e avrebbe approfittato del minorenne senza trovare grossi ostacoli. Il primo approccio sarebbe nato quando il giovane si era recato a casa della donna.

LEGGI ANCHE –> Professoressa abusa della sua studentessa 15enne malata: “Una mostruosità” – FOTO

Professoressa stupra studente, assurda la sua giustificazione

Lei lo aveva chiamato per farsi aiutare in dei lavoretti domestici. Lì però è scattata la trappola. Alla fine è stata la nonna del 15enne ad accorgersi di tutto, dopo aver letto alcuni messaggi sul telefonino del nipote. A quest’ultima l’adolescente ha confidato di avere avuto almeno quattro rapporti completi. In uno di questi l’insegnante avrebbe abusato del giovanissimo approfittando del fatto che fosse solo in casa. E non è tutto. In seguito alla raccolta di diversi indizi, pare che l’insegnante fosse solita stordire il ragazzo facendolo ubriacare e dandogli anche dei farmaci sedativi. In questo modo lui finiva con l’essere alla totale mercé della diabolica docente. Questo caso in cui la professoressa stupra studente è solo l’ultimo di una lunga sfilza di episodi del genere.

LEGGI ANCHE –> Professoressa e allievo, lei ha 28 anni e lui 13: “Potessi farlo con te tutto il giorno…”

bambina morta infarto