omicidio ana
Ana Maria Lacramioara Di Piazza e Antonino Borgia Foto dal web

La confessione di Antonio Borgia, il 51enne di Partinico, sull’omicidio dell’amante incinta Ana Maria rivela nuovi particolari inquietanti.

Ha fatto molto discutere l’ennesimo caso di “femminicidio” in Italia. Questa volta l’omicida, Antonino Borgia, 51 anni, ha ucciso non la compagna ma l‘amante, Ana Maria Lacramioara Di Piazza, 30 anni, che aspettava un figlio da lui.

La confessione di Antonino è stata trasmessa dal programma televisivo Quarto Grado. L’uomo ha raccontato che il giorno dell’omicidio aveva avuto un rapporto orale con Ana e i due avevano un appuntamento per il giorno dopo.

LEGGI ANCHE >>> Omicidio a Partinico: i risultati dell’autopsia sul corpo della giovane Ana Maria

In quella seconda occasione Antonino avrebbe dato all’amante i soldi che gli aveva chiesto per non raccontare alla moglie della gravidanza. La ragazza però non avrebbe gradito che l’uomo non avrebbe avuto da darle tutta la cifra pattuita, 3000 euro, perché stava aspettando un pagamento da parte di un cliente.

Da questa confessione di Antonino è nata una lite e lui ha raccontato di averla colpita alla pancia all’improvviso con un coltello che aveva nell’auto. In seguito la ragazza era scappata chiedendo aiuto e l’uomo era riuscito, scendendo dall’auto seminudo, a convincerla a tornare in macchina. 

Secondo la ricostruzione di Borgia, Ana sarebbe allora salita sul sedile posteriore e avrebbe cominciato ad aggredirlo. Allora lui sarebbe sceso dall’auto e, dopo averla picchiata, l’avrebbe colpita ripetutamente con delle coltellate.

Era agonizzante, ho trovato un bastone per strada e l’ho colpita in testa per finirla» si legge nella confessione di Borgia. L’uomo gli avrebbe dato anche un’ultima coltellata al collo e in seguito sarebbe andato al lavoro come tutti i giorni per non destare sospetti.

LEGGI ANCHE >>> Spunta il video del femminicidio di Palermo: l’audio rivela le ultime parole della vittima

Teresa Franco

Ana Maria Lacramioara Di Piazza
Ana Maria Lacramioara Di Piazza (foto dal web)