Davide Brivio
Davide Brivio (Getty Images)

MotoGP | Suzuki: Alex Rins o Joan Mir a rischio rinnovo

Per la prima volta dalla stagione 2000, Suzuki ha vinto più di una gara nella classe regina. Alex Rins ha tagliato il traguardo per primo ad Austin e a Silverstone nel 2019. Da questo punto di vista, è stata una vittoria di successo per Suzuki. D’altra parte la scuderia di Hamamatsu ha collezionato meno podi rispetto all’anno precedente. Nel 2018, Alex Rins e Andrea Iannone hanno collezionato insieme nove podi. Nel 2019 solo i tre di Rins.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Volevamo vincere alcune gare e sentivamo che era il momento giusto”, ha detto Davide Brivio. “Abbiamo raggiunto questo obiettivo e abbiamo vinto due gare, che è stata una buona prestazione perché abbiamo giovani piloti e siamo ancora una squadra giovane”. Anche Rins era spesso nel primo gruppo. In Qatar, Mugello e Barcellona, ​​lo spagnolo ha sfiorato il podio attestandosi al quarto posto. E ad Assen e al Sachsenring si è schiantato mentre era in una posizione promettente. Il clou è stato Silverstone, dove Rins ha potuto sconfiggere Marc Marquez nell’ultima curva.

Ma dalla seconda vittoria in poi il ritmo sembra calato. “Abbiamo perso alcune prestazioni nelle ultime gare, ma nel complesso siamo felici”, ha aggiunto il team manager. “Riteniamo che la moto abbia avuto il potenziale per lottare per il podio dall’80 al 90 percento delle piste quest’anno, a volte non l’abbiamo messo in serie o le qualifiche non erano brillanti, ma il potenziale era sempre lì”. Per il prossimo anno gli obiettivi sono però ben chiari. “Stiamo cercando maggiore coerenza in futuro e dobbiamo sfruttare il potenziale perché possiamo lottare per il podio in ogni gara, essere nel gruppo di testa e avere successo più spesso”.

Il primo passo in avanti dovrà essere compiuto dai piloti. “Mi aspetto che il passo più grande verrà dai piloti, Joan era un novellino e Alex ha più esperienza, ovviamente abbiamo bisogno anche di supporto tecnico. Un’area è il motore, negli ultimi anni abbiamo fatto buoni progressi, ma c’è spazio per miglioramenti, abbiamo un telaio molto buono, ma ci sono aree in cui possiamo fare di meglio”. Un messaggio criptico per Alex Rins e Joan Mir?

alex rins
Alex Rins (getty images)