Alex Marquez con Max Biaggi alla cerimonia di premiazione della Fim 2019 (Foto Goodshoot)
Alex Marquez con Max Biaggi alla cerimonia di premiazione della Fim 2019 (Foto Goodshoot)

Motociclismo | FIM Awards: alla premiazione manca solo il convalescente Marc Marquez

Grande serata ieri ai FIM Awards, la cerimonia di premiazione avvenuta a Montecarlo al termine della stagione motociclistica, per la Spagna che ha trionfato con tutti i suoi esponenti più importanti. I piloti iberici, infatti, hanno fatto incetta di premi a dimostrazione del monopolio che in questo momento stanno avendo nel motociclismo. Grande soddisfazione anche per Honda che ha portato tanti suoi piloti al successo.

Per le categorie del trial, come sempre, in questi ultimi anni il premio è andato a Toni Bou, l’uomo da 26 titoli mondiali che guida per HRC. Per la MX2, invece, premiato Jorge Prado, che da par suo è pronto a lanciarsi tra i big della MXGP per provare contendere il Mondiale a Gajser, Herlings e al nostro Cairoli.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

L’Italia vince con i giovani

Premiato anche Gabriel Marcelli e Manuel Gonzalez per la Supersport 300. Premi anche per la nazionale femminile spagnola di Motocross e quella maschile. Naturalmente non potevano mancare a questo trionfo iberico i fratelli Marquez, premiati per aver vinto il Mondiale in MotoGP e Moto2 e anche Jeremy Alcoba, protagonista nella Moto3 junior. Assente giustificato alla cerimonia, però, proprio il campione della MotoGP Marc Marquez, ancora convalescente dalla sua operazione.

Infine premio anche per Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna. A lui è stato conferito il trofeo come leggenda dei promotori della FIM. Insomma la Spagna ha letteralmente dominato questa edizione dei FIM Awards. Gloria comunque anche per l’Italia con Valerio Lata e Mattia Guadagnini che si sono guadagnati il premio per aver trionfato nel Motocross Junior rispettivamente nelle categorie 85cc e 125cc. Andrea Verona, invece, ha ricevuto il riconoscimento per la Junior Enduro e poi naturalmente il premio è andato anche a Lorenzo Dalla Porta per il successo in Moto3. Curioso notare come i nostri premi arrivino tutti dalle categorie giovanili, a dimostrazione che il futuro, forse, per il nostro Paese sarà decisamente più vincente.

Antonio Russo

Lorenzo Dalla Porta, campione del mondo di Moto3, con Alex Marquez, campione del mondo di Moto2 (Foto Goodshoot)
Lorenzo Dalla Porta, campione del mondo di Moto3, con Alex Marquez, campione del mondo di Moto2 (Foto Goodshoot)