Lewis Hamilton sul gradino più alto del podio del Gran Premio di Abu Dhabi 2019 di F1 a Yas Marina (Foto Lat Images/Mercedes)
Lewis Hamilton sul gradino più alto del podio del Gran Premio di Abu Dhabi 2019 di F1 a Yas Marina (Foto Lat Images/Mercedes)

F1 | GP Abu Dhabi, le pagelle: Lewis Hamilton perfetto fino all’ultima gara

Non molla un millimetro a nessuno degli avversari fino all’ultima curva dell’ultima gara. Lewis Hamilton conclude il campionato del mondo 2019 di Formula 1 nello stesso modo in cui lo ha condotto per tutta la sua durata: in testa. Gli altri si devono accontentare di lottare tra di loro, e sia nel Gran Premio di Abu Dhabi che in classifica a prevalere nella lotta tra gli umani è Max Verstappen sulle due Ferrari. Le pagelle da Yas Marina con i voti di TuttoMotoriWeb.com.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lewis Hamilton: voto 10 e lode. Che il Mondiale l’avesse già vinto da un mese sembra quasi un dettaglio. Il cannibale vuole imporre la sua legge fino all’ultimo, e non solo ci riesce, ma lo fa con una tale disinvoltura da addormentare qualsiasi gara e battaglia. I suoi giovani aspiranti rivali lo circondano sul podio, ma per loro il momento della vittoria sembra ancora molto lontano.

Max Verstappen: voto 9. Hamilton lo vede solo col binocolo, ma ad onor del vero tra la Mercedes e la sua Red Bull c’è ancora una bella differenza. In compenso, la rivincita con Leclerc, dopo Austria e Gran Bretagna, se la aggiudica lui, con un colpo di reni pieno di grinta. E anche in campionato sta davanti ad entrambe le Ferrari: il massimo che potesse ottenere.

Valtteri Bottas: voto 8. È vero che con una Mercedes sotto al sedere sembra tutto molto facile, ma la rimonta dall’ultimo al quarto posto è pur sempre un gioiellino, a cui manca solo da incastonare la gemma del sorpasso su Leclerc. Quando il finlandese tira fuori gli attributi è molto convincente, purtroppo lo fa in maniera troppo discontinua.

Lando Norris: voto 8. Non solo per l’ottava posizione di ieri, ma soprattutto per un’intera stagione in cui è stato insieme ad Albon il migliore dei debuttanti. Ha davanti a sé un futuro brillante.

Charles Leclerc: voto 7,5. Può invocare tutte le attenuanti del mondo: il pasticcio in qualifica, l’errore nel calcolo dei carichi di carburante, ma soprattutto una Ferrari che è sparita nuovamente dai radar dopo gli sprazzi estivi. Dal canto suo fa quel che può, ovvero, quantomeno battere nettamente il suo blasonato compagno di squadra. Sulla bilancia di fine stagione il piatto pende tutto dalla parte del Piccolo principe.

Sebastian Vettel: voto 6. Anche per lui, come per il compagno di squadra, la colpa non è tutta sua. La Ferrari non è all’altezza di Mercedes e Red Bull e poi ci si mette il muretto, con la strategia di partire con le gomme morbide e i doppi pit stop al rallentatore che lo penalizzano. Lui rimonta bene su Albon, ma rimane sempre troppo dietro rispetto a Leclerc.

Alexander Albon: voto 6. Non la sua gara migliore. Distantissimo da Verstappen e lontano anche dal livello a cui ci aveva abituato in alcune delle ultime uscite. L’inesperienza si fa sentire, ma i margini di miglioramento sembrano esserci tutti.

Antonio Giovinazzi: voto 5. Il contatto con Kubica compromette definitivamente il Gran Premio, ma a rallentarlo sono soprattutto le strategie della Alfa Romeo, ancora una volta svantaggiose per il povero pilota italiano. E non è affatto la prima occasione.

Lance Stroll: voto 4. Ritiro a parte, la sua gara finisce sostanzialmente già alla prima curva, contro l’incolpevole Gasly. Il confronto con il sottovalutato Perez è impietoso, non solo ad Abu Dhabi ma per tutto l’anno. Eppure lui rimane in Formula 1, grazie ai milioni del suo papà magnate, mentre colleghi di talento come Hulkenberg restano senza sedile. Lo specchio di un automobilismo in cui ormai i soldi contano di più del talento.

Fabrizio Corgnati

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas posano nella foto di gruppo con il team Mercedes al termine della stagione 2019 di F1 (Foto Lat Images/Mercedes)
Lewis Hamilton e Valtteri Bottas posano nella foto di gruppo con il team Mercedes al termine della stagione 2019 di F1 (Foto Lat Images/Mercedes)